Six Days in Fallujah è sempre stato un gioco controverso con la sfortuna dalla sua parte, dato che questo particolare FPS - ambientato per l'appunto nella seconda battaglia di Fallujah del 2004 - era atteso nel corso del 2009, per poi vedersi cancellato per motivi prettamente politici.

A inizio anno, però, il gioco è stato nuovamente annunciato promettendo che questa volta sarebbe effettivamente uscito. Con una finestra di lancio entro e non oltre il 2021, il titolo era praticamente in dirittura d'arrivo dato che oramai siamo a novembre, ma oggi è arrivata la notizia ufficiale da parte di Victura che il lancio è stato posticipato.

Tramite un post pubblicato sui propri canali social ufficiali, è stato infatti comunicato che adesso Six Days in Fallujah è atteso nel corso del 2022, dando più tempo agli sviluppatori per lavorare e migliorare il gioco.

"È chiaro che ricreare queste storie vere con un’alta qualità avrebbe richiesto più persone, capitale e tempo di quello che avevamo", ha spiegato Peter Tamte, CEO di Victura.

"Raddoppiare il nostro team è solo una delle tante cose che stiamo facendo per assicurarci che Six Days in Fallujah porti nuovi tipi di profondità tattica ed emotiva agli sparatutto militari". Voi cosa ne pensate di questo annuncio? Fatecelo sapere con un commento.