E via, ad un passo dalla nuova generazione è tempo di cominciare a parlare di Game of the Year. Archiviate le premiazioni, tra cui i giochi dell'anno di VideoGamer Italia ovviamente, al fulmicotone che hanno fatto vincere il terzo litigante tra Death Stranding e Control, ovvero Sekiro, è tempo di cominciare a pensare al futuro.

Come l’anno scorso, iniziamo a buttare giù una riga su quelli che saranno con tutta probabilità i giochi più importanti del 2020. I nomi sono importanti, e se alla fine dell’anno ci sono quelle bestie chiamate PlayStation 5 e Project Scarlet in attesa, non è che prima ci si ritrovi a ciurlare nel manico, per così dire.

C’è un periodo, quello che va marzo a maggio, che è letteralmente di fuoco. Giusto il tempo di fare incetta di videogiochi da spararsi poi durante l’estate, perché poi l’autunno è tutto delle nuove console.

Ma cominciamo, quindi. Ci ringrazierete poi per la mano che vi stiamo dando a fare le classifiche, i listoni, e le qualsiasi cosa del decade che vi verrà in mente di fare alla fine del 2020.

Dragon Ball Z: Kakarot

GENNAIO

  • Brain Training, 3 gennaio
  • Dragon Ball Z: Kakarot, 17 gennaio
  • Tokyo Mirage Sessions #FE Encore, 17 gennaio
  • Kingdom Hearts III Re:Mind, 23 gennaio
  • Final Fantasy Crystal Chronicles Remastered Edition, 23 gennaio
  • Warcraft III: Reforged, 29 gennaio
  • Journey to the Savage Planet, 31 gennaio
  • Darwin Project, gennaio

Gennaio 2020 è incredibilmente all’insegna del blast from the past. C’è un videogioco uscito su Wii U il 17 gennaio, il 23 un DLC improvviso e probabilmente poco utile alla causa, lo stesso giorno un’altra rimasterizzazione di un titolo GameCube, il 29 il remake di un altro storico titolo PC. E nella settimana che arriva torna pure il Dr. Kawashima con i suoi esercizi per la mente.

Le novità sono Journey to the Savage Planet, che rischia di essere una piccola sorpresa, il nuovo battle royale Darwin Project (gli diamo 5 settimane di vita, vero?) e Dragon Ball Z: Kakarot. Quest’ultima è indubbiamente l’uscita più di peso del lotto, in grado di catalizzare l’attenzione di un mese altrimenti interessante, ma solo per alcuni tipi di videogiocatori. Gennaio non è un mese da GOTY, se non per qualche categoria collaterale in cui potrebbe entrare Journey to the Savage Planet.

Yakuza 5

FEBBRAIO

  • Granblue Fantasy Versus, 6 febbraio
  • Yakuza 5/The Yakuza Remastered Collection, 11 febbraio
  • Darksiders Genesis (console), 14 febbraio
  • Street Fighter V Champion Edition, 14 febbraio
  • Dreams, 14 febbraio
  • Bayonetta & Vanquish 10th Anniversary Bundle, 18 febbraio
  • Marvel’s Iron Man VR, 28 febbraio

Febbraio strano, con uscite strane. Si apre con il nuovo videogioco di menare di ArcSystem Works, che pur essendo una nicchia nella nicchia può interessare a chi è interessato al franchise di Granblue Fantasy. Poi un paio di colpi di reni notevoli da parte di SEGA. Yakuza 5, la collection degli altri titoli rimasterizzati della serie, ed infine il pacchetto con Vanquish e Bayonetta per festeggiare il decennale dei due titoli.

Nel frattempo Darksiders Genesis esce su console, insieme all’ennesima versione di Street Fighter V [inserire meme “è già morto” qui], ma è bene ricordare che uscirà la versione finale di Dreams e l’esperienza VR dedicata ad Iron Man su PlayStation 4.

Giochi da GOTY a febbraio? Granblue Fantasy Versus a sorpresa per i picchiaduro, forse, ma per il resto passiamo avanti.

Final Fantasy VII Remake

MARZO

  • Final Fantasy VII Remake, 3 marzo
  • Ori and the Will of the Wisps, 11 marzo
  • Nioh 2, 13 marzo
  • Animal Crossing: New Horizons, 20 marzo
  • DOOM Eternal, 20 marzo
  • Persona 5 Royal, 31 marzo
  • Half-Life: Alyx, marzo

Ecco, qui si comincia come dicevamo a prendersi a coltellate. Marzo è decisamente materiale da GOTY, con Final Fantasy VII Remake, Animal Crossing: New Horizons (ciao Paolo), DOOM Eternal, Nioh, Persona 5 Royal ed infine Half-Life: Alyx. E pure Ori and the Will of the Wisps può ambire tranquillamente al trono del miglior platform e/o produzione indipendente.

Ce n’è davvero per tutti i gusti, un mese incredibile che è solo l’inizio di una stagione videoludica di fuoco. A marzo dove ti giri è tutto un GOTY a perdita d’occhio, preparate i portafogli.

Cyberpunk 2077

APRILE

  • Resident Evil 3, 3 aprile
  • Cyberpunk 2077, 16 aprile
  • Predator: Hunting Grounds, 24 aprile
  • Trials of Mana, 24 aprile
  • Gears Tactics, 28 aprile

E aprile è pure peggio. Dall’inizio alla fine del mese non si farà altro che giocare roba interessante. Sì, Predator: Hunting Grounds l’abbiamo messo giusto per le memarelle. Trials of Mana, che è comunque il ritorno di una saga JRPG storica, riesce a passare addirittura inosservato. Tra il ritorno di Resident Evil 3 ed il gigantesco Cyberpunk 2077, aprile è un mese goloso. E non dimenticate Gears Tactics, rischiate di perdervi uno strategico potenzialmente ottimo.

Materiale da GOTY? Beh, Cyberpunk 2077 ed a seguire Resident Evil 3. Anche se per la quantità di roba che esce quest’anno è probabile che quest’anno, a differenza del 2019, Capcom resterà a bocca asciutta.

the last of us part ii

MAGGIO

  • Maneater, 5 maggio
  • Marvel’s Avenger, 15 maggio
  • Wasteland 3, 19 maggio
  • The Last of Us Part II, 29 maggio

Quando pensi di poter riprendere un attimo fiato… zac! Arriva maggio che ti ricorda che non abbiamo appena cominciato con i giochini quest’anno, baby. Inutile anche solo commentare la lista dei giochi annunciati. Maneater non sarà un capolavoro ma è senz’altro quel videogioco memarello che finirà per balzare in testa a Twitch al day one. Poi c’è Wasteland 3 che, per quanto sia un gioco di nicchia, è comunque un grande ritorno. Ma l’accoppiata di maggio è sicuramente Marvel’s Avengers e The Last of Us Part II.

Entrambi titoli da GOTY, con il rischio fortissimo che il lavoro di Naughty Dog possa sovrastare chiunque altro e vedersela giusto con Keanu Reeves e Master Chief, perché Halo Infinite esiste, uscirà nel 2020 ma non ne sappiamo ancora niente.

halo

ANCORA DA CONFERMARE

  • Axiom Verge 2
  • Bravely Default II
  • Dark Alliance
  • Dying Light 2
  • Elden Ring
  • Ghost of Tsushima
  • Halo Infinite
  • No Straight Roads
  • Tell Me Why
  • Senua’s Saga: Hellblade II
  • Babylon’s Fall
  • Vampire: The Masquerade – Bloodlines 2
  • No More Heroes 3
  • Watch Dogs: Legion

 E quando a giugno pensi che vada tutto bene, ecco che basta dare uno sguardo a questa lista per vedere quanto quella dei GOTY anche quest’anno saranno una lotta senza esclusione di colpi. Per non parlare di titoli come Bayonetta 3, Breath of the Wild 2, o qualsiasi cosa con cui Microsoft e Sony vorranno accompagnare il lancio delle nuove console (un nuovo Forza e Horizon Zero Dawn 2?) che potrebbero essere annunciati a sorpresa. Tra indie illustri e produzioni incredibili (Hellblade II, Halo Infinite, Watch Dogs: Legion, Ghost of Tsushima, ecc.) non voglio essere nei panni delle giurie e delle redazioni che dovranno fare i listoni in un clima da guerra più totale [cit.].

Proviamo la cinquina del Game of the Year? Cyberpunk 2077, Bayonetta 3, Elden Ring, Halo Infinite e The Last of Us Part II.