Se Microsoft ha annunciato la sua nuova console ed il primo gioco per essa, Sony non si è di certo tirata indietro. Ha annunciato anche lei un gioco, ma con decisamente meno spessore rispetto a quanto mostrato a Microsoft. Ora, parliamo infatti di Godfall.

Il titolo è sviluppato da Counterplay Games, una software abbastanza anonima, che alle spalle ha, però, un grande nome come quello di Gearbox, che in quest'occasione farà da publisher per il gioco.

Parlando della software house in se, non c'è molto da dire. Si tratta di un'azienda nata relativamente da pochi anni e che ha all'attivo soltanto un videogioco. Trattasi di Duelyst, un titolo free-to-play pubblicato su Steam nel 2016.

Da allora non si sono dedicati ad altro ed è presumibile pensare che almeno il concept del gioco di cui parliamo oggi, fosse in sviluppo almeno da allora.

Il reveal trailer

Il trailer, della durata di appena un minuto, mostra relativamente poco, accennando un minimo alla storia ma anche al gameplay.

La prima sembra incentrata su una sorta di cataclisma che come da titolo coinvolge gli Déi. Le poche linee di dialogo dette dai protagonisti parlano, infatti, di una sorta di apocalisse che starebbe per arrivare dopo una guerra durata centinaia di anni.

Gli risponde una voce "ultraterrena" dicendo al gruppo di tre eroi che sembra fronteggiarli, che "nessuna tempesta ci potrà fermare". La prima domanda sorge quindi spontanea: chi sono gli Déi?

Questo perché nel trailer i tre eroi che sembrano essere gli alter ego dei futuri giocatori del titolo, fronteggiano una gigantesca struttura che ricorda moltissimo i portali di Mass Effect, alla cui sommità si intravede una sorta di Idra con diverse teste.

Potrebbe trattarsi quindi di una sorta di riferimento alla cultura greco-romana? Magari avremo un titolo in cui affronteremo calamità di questa risma?

Non è ben chiaro. Così come non si sa ancora di preciso, il tipo di gameplay. Sappiamo con abbastanza certezza che ci sarà una componente action, probabilmente in terza persona, citata anche sul sito del gioco. A ciò si aggiunge un sistema di crescita dei personaggi, forse incentrata sul loot.

L'arma infuocata che si vede sempre nel trailer è abbastanza indicativa. La stessa spada si vede anche sul sito di Godfall, vicino alla frase "trova armi e armature leggendarie".

A ciò si aggiunge una probabile componente multiplayer a quattro giocatori.

Una sorta di Destiny?

Ci potremmo trovare di fronte ad una sorta di Destiny, in salsa action RPG? Forse. Potrebbe però trattarsi anche di un titolo cosiddetto a "multiplayer asincrono", nella quale magari i quattro giocatori dovranno affrontarne uno solo molto potente. Un Dio di cui si parlava prima.

C'è da dire che dispetto a questa teoria, c'è un "ma" grande come una casa. Infatti, la possibilità di avere compagni di gioco, sempre sul sito è indicata come un ipotesi. Quindi questo vuol dire che ci sarà la possibilità di giocare anche da soli.

In ogni caso, quello che sembra essere una certezza è proprio questa componente multiplayer, la quale sembra essere un elemento decisamente importante di questo Godfall.

Dal punto di vista grafico, invece, non si può di certo gridare al miracolo.

Tenendo conto che ci troviamo di fronte ad una cinematica, l'idea di PlayStation 5 a parer nostro non c'è. Quella stessa grafica la potremmo trovare molto tranquillamente sull'attuale generazione di videogiochi.

A questo punto ci si può chiedere che senso ha indicare il titolo come per PlayStation 5, in maniera così ufficiale, sapendo che si tratta di un titolo abbastanza anonimo, almeno da questa prima occhiata.

Nulla a che vedere, quindi, con lo spettacolare annuncio di Hellblade II, avvenuto qualche minuto primo.

Ricordiamo che, però, si tratta comunque di un gioco di lancio dell'ammiraglia Sony, quindi quanto mostrato potrebbe essere soltanto l'inizio.

Sempre sul sito, non ci sono moltissime altre informazioni, se non la finestra di uscita. Chiaramente, molto altro andrà svelato nei prossimi mesi ed è probabile che sentiremo parlare del gioco al prossimo E3 o in uno dei tanti State of Play che ci attendono da qui alla fine del 2020.

Di sicuro si tratta di un titolo, che potrebbe risultare interessante se non fosse per la scarsità di elementi che porta con se. Il suo essere veramente anonimo in termini di potenza visiva, caratteristiche dei personaggi, non lo aiuta dal punto di vista della popolarità.

Tra l'altro un'altra piccola chicca risulta essere la sua esclusività. Infatti, il gioco ad oggi sarà un'esclusiva console PlayStation 5, ma arriverà anche su Epic Games Store per PC. Sempre sul sito sono presenti entrambi i loghi in calce alla pagina principale.

Da qui scopriamo che il titolo è sviluppato con Unreal Engine, anche se questo dettaglio non aggiunge molto al gioco. In, conclusione Godfall arriverà come detto alla fine del 2020 in concomitanza con l'uscita di PS5.