Elden Ring, presentato per la prima volta durante l’E3 2019, è il nuovo titolo di From Software ed è un gioco di cui non sappiamo assolutamente niente se non che esiste, che è in sviluppo e che si chiama, appunto, Elden Ring.

Sul teaser di annuncio, squisitamente criptico, abbiamo già speso qualche parola dopo la sua presentazione ufficiale, provando a dare una sorta di interpretazione alla voce narrante e alle immagini che ci passavano davanti agli occhi.

Abbiamo ipotizzato una forma di gameplay molto vicina alla formula consolidata con Sekiro: Shows Die Twice vista nel teaser la presenza di braccia “scambiabili” e oggi, grazie ad alcuni leak abbiamo una sorta di conferma di quanto abbiamo potuto immaginare qualche mese fa.

Esatto, sono arrivati alcuni leak su Elden Ring e noi, come di consueto, abbiamo fagocitato queste informazioni trasformandole in supposizioni e idee su quello che potremmo trovarci davanti a prodotto finito. Chiaramente abbiamo deciso di condividerle con voi perché che senso avrebbe, altrimenti, fare congetture e tenercele per noi?

Cosa dice il leak di Elden Ring

Innanzitutto specifichiamo per bene cosa ci dice il leak in merito ad Elden Ring. Sappiamo che verrà presentato, plausibilmente, con un nuovo trailer, durante The Game Awards - 13 dicembre ore 02:30 - con tanto di finestra di lancio che, come volevano alcuni rumor, dovrebbe essere fissata per l’estate del 2020. Poi il leak inizia a parlare un po’ della struttura di gioco.

Elden Ring dovrebbe quindi offrire un’esperienza molto simile a Sekiro, con un combat system che richiama da vicino quanto già visto nei Souls, e con una variante piuttosto interessante data dai drop dei boss con i quali possiamo potenziare le nostre combo per essere più letali in combattimento.

La parte interessante è che alcune di queste sono utilizzabili per aprire percorsi nuovi all’interno dell’ambiente che ci circonda il che ci fa pensare ad una struttura di esplorazione che potrebbe essere molto vicina ad un metroidvania, magari con la possibilità di trovare boss opzionali che ci aprano precocemente la via per determinate aree, chissà.

Infine il leak ci parla di una meccanica completamente nuova: su Elden Ring possiamo bruciare le nostre braccia finché queste non diventeranno cenere. Avremo a disposizione una nuova barra, chiamata “FP bar” che indicherà il grado di consumo delle nostre braccia fino a quando non diventeranno inutilizzabili con la conseguente perdita delle stesse.

Potremmo sostituirle con nuovi elementi meccanici e non che ci consentiranno di avere approcci differenti al combattimento con tanto di nemici che possono droppare i propri arti offrendoci la possibilità di customizzare in modo interessante la nostra build, dandoci modo di avere una variazione continua nel combat system che possiamo adattare alle varie situazioni offerte dal gameplay.

elden ring

Le nostre supposizioni sul nuovo From Software

Si tratta di informazioni interessantissime che possono trovare una buona conferma nel teaser che ci è stato mostrato durante l’E3, e che confermano anche qualche nostra piccola teoria espressa proprio in quel periodo, ma la cosa più importante è che se tutto si rivelasse vero saremo dinnanzi ad un titolo eccezionale per quel che concerne il gameplay.

Ora immaginiamo di avere a disposizione un buon numero di arti e di poter creare combinazioni anche con gli stessi, magari a destra mettere una lama e a sinistra un’arma da fuoco, così da aggiungere ancora più combinazioni al sistema. Anzi, immaginiamo di avere a disposizione anche più di due braccia (d’altronde nel teaser abbiamo visto un personaggio con più di due arti superiori offrirci un braccio).

Ecco, immaginate alle infinite possibilità non solo nel combattimento ma anche nell’esplorazione. Potremmo essere di fronte al migliore dei soulslike, con aree raggiungibili solo ed esclusivamente dopo aver trovato un terzo arto magari, che potrebbe servirci perché bisogna adoperare una combo da tre “strumenti” prima di poter raggiungere una data zona.

Ma non solo. Possiamo spingerci anche un po’ oltre con la fantasia e provare ad immaginare i bonus che possono offrirci i vari boss di gioco che, secondo il leak, potenzieranno completamente il protagonista e non solo la singola arma. Di cosa può trattarsi quindi? Di innesti particolari che ci permettono di aumentare gli arti a nostra disposizione? Di particolari energie che ci consentono di bruciare più a lungo?

E se il protagonista fosse realmente un fabbro in grado di gestire questo tipo di “innesti” e questi potenziamenti fossero strumenti particolari che ci ampliano semplicemente la varietà di arti che possiamo “montare”? Chi lo sa, magari alcuni arti sono “corrosivi” e un boss ci offrirà uno strumento per poterli maneggiare.

elden ring

La penna del creatore de Il Trono di Spade

Insomma, le possibilità sembrano essere particolarmente tante e tutte offrono un grado di profondità del gioco tale per cui Elden Ring potrebbe essere, a conti fatti, un titolo da tenere sott’occhio ancora più di quanto poteva esserlo prima. Certo, queste informazioni non ci danno niente di più in merito alla narrazione e all’ambientazione, ma in effetti su quella possiamo fare affidamento alla scrittura di George R.R. Martin, non trovate?

E poi chi lo ha detto che questi leak non ci offrono nessuno spunto narrativo? Fermiamoci a riflettere un attimo sempre su quel famoso teaser. Sul finale la voce narrante ci invita a guardare il cielo e osservare come la distruzione di questo fantomatico anello abbia portato alla distruzione di ogni cosa. Mi vorrei soffermare sulle parole utilizzate però.

Si parla letteralmente di “portare le fiamme” e da questo leak sappiamo che c’è una meccanica che ci permette di bruciare i nostri arti. Nel teaser vediamo anche questo atto particolare con un braccio che sembra essere affetto da una forma di malattia strana che lo corrode e lo distrugge. Ecco, fermiamoci a riflettere per qualche minuto.

La distruzione di questo anello, che regola l’equilibrio della vita, ha portato alla diffusione di una maledizione, di una piaga, di chiamatela come volete, che corrompe e distrugge la vita stessa bruciandola e lasciandola in cenere. Le creature che popolano il mondo di gioco sono destinate tutte a disintegrarsi in cenere, e si sono trasformate in essere orripilanti.

Per far fronte alla distruzione in molti si sono affidati a questi “fabbri” che sono in grado di innestare nei loro corpi nuovi arti, nuova “vita”, anche se qualcosa con alcuni di loro va storto e si trovano deturpati e costretti ad un’esistenza da creature mostruose e furiose. Qualcuno deve riforgiare l’anello per riportare l’equilibrio.

elden ring

Magari un fabbro, proprio uno di quegli esseri capace di maneggiare gli innesti e in grado di sopportare il dolore della “piaga” della bruciatura al punto da utilizzarla per combattere e farsi strada in questi terribili luoghi. Magari deve combattere contro altri fabbri come lui, corrotti dal dolore della piaga e piegatosi alla corruzione della stessa.

Serve il potere di tutti i fabbri per ricomporre l’anello, e noi non ci fermeremo davanti a nessuno.