Perché comprare Google Stadia, già. Una domanda di un difficile mostruoso a pensarci bene perché anche io, ad un certo punto, ho iniziato a trovare non poche difficoltà nel continuare a difendere a spada tratta la console di Google nonostante resti fra quella piccola, piccolissima, schiera di persone che continuano a crederci.

E non è che crediamo tanto in Stadia, che è quello che è alla fine, quanto alla storia del gaming in cloud perché al netto dei difetti presenti sulla console, le critiche maggiori da parte del videogiocatore comune sono state dirette a caratteristiche che prescindono dal fatto che parliamo di Google Stadia, di xCloud o doi qualciasi altro che sistema che potrebbe proporre un’architettura simile.

Oggi però siamo qui per cercare di dissuadervi tutti e di spingervi, un po’ alla volta, all’acquisto di Stadia, o al suo utilizzo quando questa diventerà gratuita almeno in uno dei livelli del suo “abbonamento”, perché in fin dei conti qualcosa di buono questa console lo ha e noi, al solito, abbiamo racchiuso in 5 punti le motivazioni che la rendono un must.

Chiaramente qualche punto potrebbe apparire bene o male soggettivo e non trovare spazio nelle vostre convinzioni da vieogiocatori. Ne siamo consapevoli ma va bene anche così, in fondo sono chiacchiere fra amici al bar in cui si parla di Google Stadia e del perché sarebbe interessante possederla nella propria abitazione.

Il futuro del gaming è Stadia

Ok, forse qui stiamo esagerando perché il futuro del gaming non è tanto Google Stadia quanto quello che Google Stadia rappresenta: il gaming in cloud. Sì, probabilmente servizi come quello di Microsoft saranno migliori ma ala momento quei servizi non esistono ancora (o almeno non sono ancora completi) quindi che ci piaccia o meno Stadia è la prima a battere questo terreno inesplorato.

Anche solo per questo merita un posto in collezione, solo per dire “io c’ero quando è iniziato”.

Niente supporto fisico

Cosa? Come è possibile dire che l’assenza di un supporto fisico per i giochi sia un pregio e un motivo di vanto per una console? Come si può affermare che Google Stadia vada acquista perché manca il supporto al fisico? Semplicemente perché è arrivato il momento di dire basta, no? Basta scatoline e scatolette che occupano spazio e viva il digitale.

Non deve essere aggiornata

Qui andiamo sul vero e proprio grande pregio del gaming in cloud: non deve essere la mia macchina ad essere potente ma deve esserlo la macchina su cui mi collego. Google Stadia alla fine offre solo questo. È una console in affitto per giocare che gira e funziona lontano da casa nostra e noi ci accediamo semplicemente collegandoci alla rete.

Nessun upgrade futuro, solo il costo effettivo dei giochi, Davvero serve altro?

Il costo

Google Stadia è, a conti fatti, gratuita. Sì, non lo è al momento ma lo sarà quando il servizio arriverà ufficialmente nel mondo il che significa che di Google Stadia noi pagheremo solo ed esclusivamente i giochi che vogliamo giocare, o eventuali tier superiori che offrono qualcosa di più all’offerta, ma quella è una scelta puramente personale.

Allora? Vi servono altri motivi per scegliere Google Stadia o vi siete abbastanza convinti che stiamo parlando di un progetto visionario che segnerà il futuro del videogioco?