Project xCloud non è ancora stato annunciato per l'Italia, ma Phil Spencer ha parlato del possibile matrimonio tra le due realtà in un'intervista concessa a TGCom24.

Il dubbio sollevato dall'intervistatore è che il nostro territorio non sia all'altezza sotto il profilo della qualità della connessione dei servizi di gioco in streaming.

project xcloud

"Il 5G potrebbe essere una soluzione", ha osservato Phil Spencer su una specifica domanda.

"Dove non arriva un’infrastruttura di rete fissa, penso che il 5G possa essere un grande aiuto per permettere alla popolazione di essere sempre connessa. Ma devo anche dire che noi continueremo con il supporto fisico, con i dischi. Sappiamo che c’è tanta gente che può avere problemi a connettersi o comunque che per scaricare grossi giochi ci può mettere troppo tempo e che il modo più veloce per installare un gioco è ancora il supporto fisico".

Tuttavia, su Project Scarlett le idee sono chiare: "vogliamo continuare a garantire che si potranno comprare e installare i giochi da un disco, siamo del tutto consapevoli che in certi Paesi, in certe regioni scaricare decine di gigabyte di un videogioco sia un’operazione semplicemente impossibile: è nostro dovere permettere a tutti di poter giocare".

Dopo X019, Project xCloud può contare su 50 titoli; inoltre, sono in arrivo altri territori come il Canada, l'Europa Occidentale e India (oltre a Stati Uniti, Regno Unito e Corea già nel lotto dei paesi supportati) e il DualShock 4.