Parlando ai microfoni di Kotaku, Aaron Greenberg, general manager del marketing dei videogiochi Xbox, è tornato a discutere di cosa sia andato storto con Scalebound.

"Ho lavorato con quel team, con Kamiya-san, e direi che il modo migliore per descriverlo sia... a volte metti tutti gli ingredienti perfetti in una ricetta ma semplicemente non va nel modo in cui speravi", ha spiegato Greenberg.

"Anche con la gente che ha fatto film, questo succede a volte. Spero non succeda tanto, ma questo era uno di quei casi in cui semplicemente non è andata come speravamo sarebbe andata".

scalebound

Microsoft mantiene "ancora profonda ammirazione per loro come team", a proposito di Platinum Games, e "c'è una ragione per cui li avevamo contattati e ci eravamo messi al lavoro con loro, e speriamo di poter mantenere una buona partnership".

"Purtroppo non tutti i giochi, tutti i progetti vanno come pianificato in quest'industria, ma speriamo che sia più un'eccezione rara", ha concluso Greenberg.

Scalebound era previsto per Xbox One e Windows 10 ma, com'è noto, qualcosa nello sviluppo è andato storto e ha portato alla cancellazione del progetto.