Che Pokémon Spada e Pokémon Scudo siano dei bei giochi è un concetto che, almeno noi sul sito, abbiamo cercato di sottolineare più volte andando oltre tutti quei preconcetti che si sono venuti a creare non solo con i leak arrivati nelle settimane antecedenti all’uscita ufficiale, ma anche con la notizia del Pokédex di Galar non sarebbe stato completo.

Abbiamo spiegato, o almeno abbiamo provato a farlo, quanto c’è di buono in questo gioco e di quanto questo sia a tutti gli effetti il capitolo è il più importante per tutta la storia del brand che aveva bisogno di uno scossone di questo calibro oramai da parecchio tempo. Pokémon Spada e Pokémon Scudo non rappresentano, in questo caso, “solo” i due nuovi giochi Pokémon, ma sono anche l’inizio di qualcosa di nuovo e di unico per la serie.

Ma come ogni cosa bella c’è sempre il rovescio della medaglia e di certo, nonostante a scrivere qui è un “pokéfanatico” da quando ha memoria, non possiamo rimanere indifferenti di fronte all’enormità dei difetti presenti all’interno dei due nuovi capitoli che contribuiscono a rendere Pokémon Spada e Pokémon Scudo due giochi che, a conti fatti, potrebbero non essere così speciali.

pokemon spada e scudo

Basta accendere i due giochi

In effetti, così come basta accendere i due giochi per rendersi conti di quanto siano belli e di quanto la scelta di tagliare il numero di mostriciattoli sia quantomeno giustificata, basta accendere Pokémon Spada e Pokémon Scudo per rendersi conto di quanto ancora siano indietro i due giochi e di quanti difetti, purtroppo, pesano sulle loro spalle.

Di cosa parliamo nello specifico? Del comparto tecnico e della narrazione, ovviamente, due enormi macigni che Game Freak e The Pokémon Company si portano dietro da anni e che sembrano essere insormontabili e difficili da superare per quanto cerchino di impegnarsi per far finta che i loro giochi siano all’altezza delle aspettative su questi due aspetti fondamentali.

Non saremo qui a discutere dei bug che stanno affliggendo i due giochi e che ancora non hanno trovato una soluzione, come la corruzione delle schede SD e come i freeze del gioco utilizzando il Dimenticamosse perché contiamo sul fatto che la soluzioni arrivi a brevissimo anche se, in effetti, appare inaccettabile l’uscita di due giochi con due difetti di questo calibro che minano non solo alla godibilità dell’esperienza ma anche all’utilizzo della console.

Quindi ci concentriamo su tutto quello che non sarà possibile correggere con una patch, tutto quello che ci appare evidente dopo solo un’ora di gioco e che, nel 2020 è del tutto inaccettabile per un brand dell’importanza che ha Pokémon. Iniziamo con il comparto tecnico, uno degli aspetti più controversi di Pokémon Spada e Pokémon Scudo.

pokemon spada e scudo

Su Switch esistono cose come Zelda

Spesso leggiamo in rete commenti del tipo “su Switch esistono cose come Zelda, come si fa a dire che Pokémon Spada e Pokémon Scudo sono belli?”, affermazioni che trovano da una parta una risposta semplice del tipo “se Zelda è bello non vuol dire che cose meno belle facciano schifo”, dall’altra però ci fa pensare al fatto che i due nuovi titoli siano in effetti… vetusti.

Vero, la grafica ha fatto un salto da gigante ma restano animazioni poco convincenti, resta il fatto che Aereoassalto sia ancora una sagoma nera che parte dal Pokémon e finisce sull’avversario, resta il fatto che nelle Terre Selvagge il gioco subisce un downgrade spaventoso con tanto di lag tremendo se si è connessi alla rete.

Perché allora, nel 2020, dobbiamo ancora vedere le animazioni di attacco statiche? Perché nel 2020 dobbiamo accontentarci di uno stile grafico ancora così poco dettagliato, degli interni tutti uguali e dei modelli dei personaggi che si ripetono? Perché su Switch poi, pensando che nel mondo esiste Yo-kai Watch (unico vero titolo con cui è possibile fare il paragone) che nei suoi capitoli su Nintendo 3DS fa meglio di Pokémon Spada e Pokémon Scudo?

Ma non si tratta solo di grafica. Pokèmon Spada e Pokémon Scudo nonostante provino a rinnovare la narrazione spostandola su un altro tipo di livello riescono a inciampare nel classico errore di Game Freak: non andare oltre quando nel mondo in cui è necessario sbottonarsi di più. Quindi ecco che ci troviamo di fronte a dialoghi troppo stupidi, a situazioni eccessivamente imbarazzanti e momenti in cui viene da pensare “ma perché? Non possono fare come Rosso senza trama?”.

...

Quindi a cosa è servito eliminare certi benedetti Pokémon se non si sono corrette determinate problematiche della saga? Basta davvero essere riusciti benissimo in tutto il resto lasciando indietro anche questi due aspetti cruciali del brand? Forse sì, forse no. Aspettiamo i titoli di coda per sentenziare.