Uno degli accadimenti più catastrofici che può accadere in Death Stranding sono le voragini, che risucchiano tutto ciò che è nelle vicinanze formando un enorme cratere inaccessibile dai giocatori.

Un piccolo assaggio di questo evento lo abbiamo proprio nelle prime ore di gioco, dove viene distrutta la città principale dell'America dell'Est. Ma come è possibile creare queste voragini? Ve lo spieghiamo con questa pratica guida.

Death Stranding causare voragini

Cosa sono e come si provocano le voragini?

Iniziamo nello spiegare cos'è una voragine. Questa viene causata quando una persona viene uccisa da un attacco da parte delle CA (Creature Arenate) e non viene propriamente incenerita. Il protagonista Sam è però un riemerso, il che vuol dire che non può in alcun modo morire.

Quindi come è possibile creare una voragine? Innanzitutto bisogna recarsi un un punto in cui è possibile creare le CA, poi bisognerà farsi catturare da queste ultime e incontrare quindi il boss.

Una volta fatto ciò non bisognerà in alcun modo combatterlo ma piuttosto farsi "uccidere" in modo da provocare la fantomatica voragine.

Le voragini tendono a spazzare via tutto quello che è presente nel loro raggio d'azione, quindi anche punti chiave per la storia. Kojima Productions ha quindi pensato di inserire una meccanica secondo la quale, una volta che si viene catturati e trasportati dalle CA, si viene trascinati lontani da luoghi chiave.

Ovviamente le voragini non compariranno solo sulla nostra PlayStation ma saranno visibili da tutti i giocatori che stanno giocando al gioco, ma rimarranno comunque inaccessibili a tutti.

In fin dei conti è un processo piuttosto semplice, sicuramente più semplice di quello per sbloccare gli ologrammi dedicati a Horizon: Zero Dawn.