Nioh è recentemente tornato popolare grazie al suo arrivo su PlayStation Plus e all'imminente uscita di Nioh 2, con annessa beta aperta prevista per l'inizio di novembre 2019.

Il buon senso impone che vi forniamo dei consigli in modo da facilitare il vostro viaggio in questa piccola grande perla del filone soulslike che potreste esservi persa al day one originale e potreste stare recuperando soltanto adesso.

Cominciamo subito.

Nioh stance, abilità, Kodama

Un aspetto fondamentale che va considerato nel momento in cui si inizia Nioh è tenere presente che non ci si trova di fronte ad un nuovo capitolo della serie Dark Souls.

Ci sono ovviamente delle componenti derivate dal filone soulslike di cui lo sviluppatore Team Ninja ha provato a dare una sua interpretazione personale, tra cui resistenza e schivata, ma per il resto parliamo di un gioco diverso ed è bene saperlo quando ci si avvicina per goderselo appieno.

Sappiamo che potrebbe sembrare una banalità ma è davvero importante che passiate per e completiate il tutorial, specialmente perché il titolo può contare su tre stance, posture, posizioni differenti e dovrete padroneggiarle tutte per adattarvi a dovere alle varie situazioni.

Le stance hanno un grande impatto sul gameplay, per cui capire fin da subito cosa sono e come funzionano è necessario per farvi avere una buona esperienza nel gioco oltre che una buona riuscita.

nioh

Una cosa divertente e anch'essa importante da fare è sperimentare stance diverse. L'istinto vi porterà ad usare la posizione alta, ovvero quella più offensiva dal momento che fa più danno - di contro, è più lenta e consuma più resistenza, oltre ad avere una schivata poco efficiente.

Tuttavia, il nostro suggerimento è che impariate a capire rapidamente  quando giocare sulla difensiva e quando adoperare la forza bruta; quando avrete la giusta consapevolezza potrete utilizzare un mix delle due posizioni durante lo stesso duello.

Nioh può contare su un sistema di classi, e ogni classe ha un proprio albero delle abilità o skill tree, ma c'è una precisazione da fare subito per rendervi l'idea di quanto sia libero l'approccio al gameplay adottato da Team Ninja.

Lungo il corso del gioco, infatti, è possibile potenziare tutte le classi a prescindere dalla propria scelta, quindi nessun albero delle abilità o skill tree sarà bloccato nel momento in cui prenderemo la nostra decisione.

nioh

Una build orientata all'uso della spada è la più equilibrata e quella più semplice da adottare per un neofita del titolo, per cui ci sentiamo di consigliarvi di adottarla prima di cominciare a valutare alternative una volta che avrete maggiori conoscenze.

Un ultimo suggerimento che vogliamo fornirvi è esplorare tanto. Le missioni principali sono molto lineari, ma uscire dal sentiero primario non richiede troppo tempo e dà diverse ricompense interessanti.

I "premi" all'esplorazione sono i demoni Kodama: cercarli è qualcosa che conviene sempre perché, trovati a sufficienza, permettono di avere un bonus nella missione che si sta giocando.

Ad esempio, in base al tipo di Kodama che ci si riesce a portare a casa è possibile avere un bonus sul loot droppato dai nemici per quella determinata fase della storia, e questo equivale ad avere un perk in più da giocarsi a partita in corso.

Questi un po' di consigli sparsi per voi che state per cominciare o avete iniziato da poco la vostra avventura su Nioh. Il resto tocca a voi: in bocca al lupo!

Grazie a Stefano De Luca per le dritte