Dopo le disastrose vendite dovute da uno sviluppo troppo frettoloso e poco ispirato, Ubisoft ha confermato che continuerà ugualmente a supportare Ghost Recon Breakpoint, per cercare anche di riscattarsi.

"Mentre queste prime settimane sono state più difficili del previsto", si legge in un post pubblicato sul blog ufficiale. "Prendiamo a cuore il tuo feedback. Ci preoccupiamo profondamente di questo gioco, del franchise di Ghost Recon e di te, della nostra community di giocatori, e ci impegniamo a migliorarlo".

Per questo motivo, la compagnia francese pubblicherà due importanti update incentrati sui miglioramenti tecnici, primo dei quali arriverà a metà novembre che promette "ulteriori miglioramenti e aggiornamenti basati sul feedback della community".

Ubisoft ha anche assicurato che sta lavorando per affrontare altre aree fortemente criticate di Breakpoint. La sua economia in-game, ad esempio, sarà adattata per rendere l'esperienza "più confortevole" per i giocatori, qualunque cosa ciò possa significare in definitiva.

"Uno degli elementi chiave della nostra visione di Ghost Recon è quello di immergere i nostri fan in un'esperienza militare grintosa e autentica. In linea con questa visione e con il feedback che abbiamo ricevuto, stiamo lavorando su un approccio più radicale e coinvolgente per Ghost Recon Breakpoint", si legge ancora nel post.

Come parte di questa revisione, i giocatori saranno in grado di adattare la propria esperienza "al modo in cui [vogliono] godersi il gioco, poiché la libertà di scelta è sempre stata parte del DNA di Ghost Recon".

"È ancora troppo presto per condividere i dettagli su come funzionerà esattamente, è la massima priorità per il team e ti terremo aggiornato man mano che andremo avanti".

Cosa ne pensate di queste parole? Credete Ubisoft riuscirà a risollevare le sorti di questo ultimo capitolo? Fatecelo sapere con un commento.

Ghost Recon Breakpoint