Sebbene il rinvio ufficiale di The Last of Us: Part II non sia stato ben accolto da tutti i videogiocatori, molti di loro hanno inviato messaggi di supporto non solo a Neil Druckmann in persona, ma anche al team intero di Naughty Dog.

Lo sviluppatore Rami Ismail ha notato questa particolare attenzione da parte degli utenti e li ha voluti ringraziare per questo cambio di atteggiamento.

"È fantastico che nel 2019 abbiamo visto l’annuncio del rinvio di The Last of Us: Part II e che la risposta del pubblico sia stata 'ok, bene'", ha commentato lo sviluppatore.

"Le persone forse non si rendono conto di quanto questo potrà migliorare le vite degli sviluppatori nei prossimi anni, via via che questo sentimento di comprensione di diffonderà nell'industria. È una cosa che conta. Grazie".

Voi cosa ne pensate di questo commento da parte di Ismail? Siete rimasti profondamente delusi dal rinvio del gioco? Fatecelo sapere con un commento

The Last of Us: Part II è ora atteso per il prossimo 29 maggio 2020 in esclusiva su PlayStation 4.