Se speravate di poter mettere le mani su The Last of Us: Part II nel mese di febbraio, forse rimarrete delusi.

Il gioco di Naughty Dog, atteso proprio per il secondo mese del 2020, sembra sia stato internamente rimandato alla primavera dello stesso anno, almeno stando a quanto riportato dal noto insider e giornalista Jason Schreier su Kotaku.

Secondo i suoi due contatti, entrambi che hanno dato la stessa versione dei fatti, il gioco sarebbe destinato a slittare fino alla primavera 2020, con la finestra di lancio che rientrerebbe quindi nel periodo compreso tra marzo-giugno 2020.

Il motivo ancora non è stato chiarito, soprattutto perché una data di lancio era stata comunque fissata in modo ufficiale. Attendiamo ulteriori conferme da parte della software house o del publisher.

Voi cosa ne pensate di questa notizia? Fatecelo sapere con un commento.

the last of us part ii