Negli ultimi tempi si sta parlando sempre più del crunch time e di come viene gestito (spesso male) dalle varie aziende del settore. Parlando con Eurogamer.net, il game director del nuovo Star Wars: Jedi Fallen Order, Stig Asmussen, ha parlato della sua esperienza in Respawn Entertainment.

Lo sviluppatore non ha infatti negato che, per lo sviluppo del gioco, non ci sia stato del crunch time ma la compagnia ha comunque adottato un approccio non obbligatorio sui turni extra per lavorare.

"Abbiamo fatto qualcosa di diverso rispetto a quanto ho visto negli altri progetti a cui ho preso parte. Nei progetti passati mi sono trovato di fronte a crunch obbligatori, con tutti che ti dicono semplicemente che c'è da lavorare per un certo totale di ore aggiuntive", ha spiegato.

"Tutti si portano dietro le proprie responsabilità e i propri compiti e li prendono molto sul serio, dunque perché trattare la gente come bambini e imporre gli orari precisi per tutti?", ha continuato il game director.

"Dunque se avete intenzione di fare delle ore extra è una scelta personale, vi supportiamo e vi portiamo il cibo, non ci metteremo a organizzare il crunch time in maniera precisa per tutti, potete organizzarvi autonomamente con gli impegni".

Voi cosa ne pensate di queste dichiarazioni? Fatecelo sapere con un commento.

Nel frattempo vi ricordiamo che Star Wars: Jedi Fallen Order sarà disponibile a partire dal prossimo 15 novembre 2019 su PlayStation 4, Xbox One e PC.

Respawn Entertainment