Dopo Tim Longo, è toccato alla sviluppatrice Mary Olson abbandonare il suo ruolo di creative director nell'atteso progetto che prende il nome di Halo Infinite.

La triste notizia è arrivata qualche giorno fa, e tanto hanno impiegato i ragazzi di 343 Industries per dare una spiegazione a questo addio e tranquillizzare i fan preoccupati di uno slittamento dell'uscita.

Rispondendo ad un fan su Reddit, il community manager di 343 Industries John Junyzsek ha cercato di chiarire la situazione.

"Sono venuto qui per chiarire quali fossero i ruoli di Tim e Mary nello studio, perché sembra esserci un po' di confusione su questo punto", ha spiegato Junyzsek. "Prima di tutto, in ogni caso, voglio assicurare a tutti che l'interno team di Halo Infinite è pienamente al lavoro sul gioco e sta lavorando duro per fare in modo di realizzare la visione originale".

"Il ruolo di team come Creative Director era di aiutare nella scelta di opzioni in ambito creativo sul design e la direzione del gioco - per quanto riguarda campagna, multiplayer etc. Il ruolo di Mary come executive producer e poi lead producer sulla Campagna era l'organizzazione dei lavori per il completamento entro l'autunno 2020".

"Il titolo del thread è fuorviante perché fa pensare che Mary abbia preso il posto del controllo creativo sul gioco, non abbia apprezzato cosa ha visto e abbia deciso di andarsene. Se fosse andata così capirei benissimo il fatto di essere preoccupati ma non è questo il caso, in quanto il suo era un ruolo diverso come producer".

"Non c'è alcun problema creativo all'interno dello studio", ha quindi concluso il community manager.

Queste parole vi fanno tirare un sospiro di sollievo? Fatecelo sapere con un commento.

halo