Durante una recente intervista rilasciata al sito nipponico Famitsu, il noto game designer Hideo Kojima ha abbandonato per un attimo il suo nuovo progetto Death Stranding ed ha parlato della sua esperienza post-Konami.

Stando alle parole dello sviluppatore, per via delle restrittive regole che vigono sul tema bancario in Giappone, per lui è stato difficile garantirsi un prestito in modo da avviare i lavori sul nuovo studio.

Tuttavia, presso un particolare istituto bancario, è riuscito a farsi finanziare un prestito grazie al fatto che il responsabile era un suo grande ammiratore. "La ragione per cui sono chi sono adesso è che sono stato 30 anni in Konami", ha affermato Kojima.

"Sono grato a Konami, e non posso negare quella connessione", ha aggiunto, mettendo a tacere tutte le "malelingue" che lo vogliono contro l'azienda nipponica.

Voi cosa ne pensate di queste dichiarazioni? Fatecelo sapere con un commento.

Nel frattempo vi ricordiamo che Death Stranding sarà disponibile a partire dal prossimo 8 novembre 2019 in esclusiva su PlayStation 4.