Stando a quanto rivelato da Chris Early, vice-president for partnerships and revenue presso Ubisoft, i guadagni della compagnia sui videogiochi venduti su Steam sono solamente del 30%, ed è per questo motivo che il publisher sta tenendo i suoi titoli imminenti fuori dalla piattaforma.

Da quanto Epic Games ha introdotto il suo store con un taglio più favorevole, infatti, molti publisher la stanno preferendo piuttosto alla piattaforma di Valve.

Epic Games Store, a differenza di Steam, ottiene solo il 12% delle entrate del gioco, il che lascia l'88% dei guadagni agli sviluppatori / publisher, una differenza notevole rispetto al 70% di Steam.

In un'intervista per il New York Times, Early ha dichiarato quanto segue: "Non è realistico l'attuale modello di business che hanno. Non riflette dove si trova il mondo oggi in termini di distribuzione dei giochi".

Voi cosa ne pensate di queste dichiarazioni e della presa di posizione di Ubisoft nei confronti di Steam? Fatecelo sapere con un commento.

ubisoft

[wp_ad_camp_1]