Il capo di Xbox Studios, Matt Booty, ha recentemente parlato con i ragazzi di Game Informer spiegando cosa ne pensa dei revival riguardo le IP classiche.

Booty ha dichiarato di essere a conoscenza dei numerosi franchise inattivi di proprietà di Microsoft, come Perfect Dark di Rare per esempio, ma crede fermamente che progetti del genere funzionano solo quando un creatore si avvicina loro con una "passione personale" per ri-affrontarlo.

Booty ha spiegato che la rinascita di Battletoads è avvenuta proprio perché il suo team di sviluppo Dlala ha avuto un grande entusiasmo per il franchise.

"Battletoads è rinato grazie ad alcune delle persone coinvolte nel lavoro originale che si sono avvicinate a Craig Duncan (boss di Rare Studios) dicendogli:" Ehi, noi ci siamo cresciuti con questo gioco e ci piacerebbe dare la nostra svolta all'IP".

Per avere un reboot di Perfect Dark, quindi, dovrebbero svilupparsi le stesse dinamiche. Negli ultimi anni Xbox ha lanciato una nuova iniziativa per espandere significativamente il proprio pool di studi di prima parte.

Oltre a creare The Initiative e un nuovo studio Age of Empires, Xbox, infatti, ha recentemente acquisito artisti del calibro di Ninja Theory (Hellblade), Playground (Forza Horizon), Obsidian (Fallout: New Vegas), InXile (Wasteland 3) e Double Fine (Psychonauts 2).

[wp_ad_camp_1]