L'ultima generazione di videogiocatori ha notato la crescita del mercato digitale e dei servizi in abbonamento come Xbox Game Pass o PlayStation Now.

Il mercato del digitale è cresciuto così tanto che i tradizionali rivenditori fisici di videogiochi, come GameStop, fanno fatica ad andare avanti.

A rassicurare i fan del brand, però, è stato il vice presidente al merchandising di GameStop, Eric Bright, dicendo che non è per nulla preoccupato della piega che sta prendendo l'industria del settore videoludico:

"GameStop è concentrato sui giochi e sulla cultura gaming in generale, cercheremo di monetizzare le vendite digitali. I nostri soci sanno che stringere un accordo con GameStop riguardo ai nuovi modi di monetizzazione rientra nel loro interesse. Mentre i nuovi modelli di abbonamento emergono e si evolvono, GameStop si evolverà insieme a loro".

Il VP della società ha già ufficializzato una partnership con Complexity Gaming, grazie alla quale si darà vita ai "GameStop Performance Center", cioè dei punti di ritrovo dedicati agli appassionati di eSport, dove sarà possibile incontrare e confrontarsi con i pro player del settore.

Che ve ne pare delle parole di Eric Bright? Ditecelo nei commenti.

Fonte

[wp_ad_camp_1]