Durante una recente intervista per PCGamesN, il lead designer di Techland Tymon Smektala è tornato a parlare di Dying Light 2, atteso seguito della serie videoludica iniziata nel 2015.

Nell'intervista, lo sviluppatore ha parlato delle fazioni che saranno presenti all'interno di gioco e di come i veicoli faranno il loro ritorno per permettere all'utente di muoversi nell'area di gioco.

"Nel mondo di Dying Light 2 ci saranno diverse fazioni principali", ha spiegato Smektala. "I Peacekeepers, gli Scavengers e un altro paio".

"Ci saranno però anche dei gruppi più piccoli, come gli Untainted, che potranno avere un impatto sul corso della storia. Rappresenteranno una sorta di incognita, qualcosa di inaspettato".

I giocatori saranno poi liberi di scegliere con quale fazione schierarsi: "Ad esempio, i Peacekeepers e gli Scavengers sono in lotta per una piscina abbandonata poiché rappresenta un luogo perfetto per costruire un avamposto".

"I primi vogliono creare un campo di addestramento, mentre i secondi un impianto per produrre del carburante. Gli Untained, il gruppo più piccolo, credono invece che il miglior modo per risolvere i problemi del mondo sia quello di far crescere delle piante da utilizzare per produrre dei farmaci".

"Queste sostanze possono essere utilizzate in modi differenti, ma alcune di esse sono dei potenti stimolanti in grado di modificare l'efficacia in combattimento".

Per quanto riguarda i veicoli, invece, lo sviluppatore ha spiegato che "dovrete prima aiutare gli Scavengers con la produzione di carburante".

"Non posso dire molto altro, ma troverete diversi posti dove guidarli. Probabilmente, introdurremo nuovi luoghi adatti ad essi con il supporto post-lancio".

Cosa ne pensate di queste dichiarazioni? Fatecelo sapere con un commento. Nel frattempo vi ricordiamo che Dying Light 2 non ha ancora una data di lancio ma è atteso su PlayStation 4, Xbox One e PC.