Sono sempre piuttosto interessanti tutti quei titoli che riescono a proporre una formula molto semplice quanto efficace, che possa riuscire a divertire senza stancare troppo e sopratutto che si adatti a sessioni di gioco mordi e fuggi che ben si incastrano nei ritmi serrati di molti giocatori.

Double Cross è questo e anche di più poiché nasconde al suo interno anche una profondità notevole, nonostante questa venga più volte minata dalla ripetitività dell’azione tipica del genere di appartenenza.

Parliamo di un action platform dall’aspetto piuttosto fanciullesco che mixa il gameplay tipico di un beat’m’up a quello di un “rage” platform di quelli tosti, grazie ad alcune intriganti idee di level design che riusciranno a strapparvi più di un’imprecazione durante il corso dell’avventura.

Double Cross ci racconta la storia di una giovane e promettente agente del RIFT, un’ente che governa e controlla i viaggi interdimensionali al fine di sedare rivolte, traffico illecito di materiale e mantenere l’equilibro nel multiverso.

Come ci insegna ogni opera fantascientifica che poggia le sue basi sulle dimensioni multiple, sappiamo benissimo che questo è un equilibrio che durerà giusto il tempo del tutorial, in cui impareremo i rudimenti del movimento e del combattimento: la nostra giovane amica potrà saltare di parete in parete ed usare una frombola per agganciare diversi oggetti nell’area per darsi slanci maggiori e simili.

double cross
Level design eccellente.

Tutto il gameplay che riguarda la parte platform ruota attorno al corretto utilizzo di questo strumento che non sempre sembra rispondere come voi immaginate rendendo così ogni salto un salto della fede, almeno durante le prime ore di gioco.

Una volta padroneggiata a dovere la frombola, dimenticatevi di ogni problema: Double Cross vi sembrerà un gioco completamente diverso e vi sarete dimenticati come si gioca ad un platform che non possiede questo particolare aspetto di gioco.

Il combat system è invece piuttosto classico: possiamo menare le mani con pugni potenti o pugni veloci, sparacchiare con una pistola ed utilizzare qualche abilità speciale che ci permette di curarci o sparare raggi più potenti.

Possiamo salire di livello e sbloccare nuova abilità da utilizzare in combattimento e rendere più varia l’azione di gioco come scivolate, schianti a terra e così via. Insomma abbiamo a che fare con il classico repertorio del genere, nessuna aggiunta “piccante” come potrebbe essere la frombola nel sistema di movimento.

Double Cross presenta un’interessante struttura di missioni che ci farà procedere all’interno dell’indagine in corso, che verterà a scoprire chi è il traditore del RIFT che sta disseminando il panico nel multiverso.

double cross
QUANTO È DOLCIOTTO?

In ogni missione avremo a che fare con indizi, materiali particolari e strambi personaggi che potremmo utilizzare per reperire informazioni e ricostruire così il caso, anche grazie all’aiuto di tutti gli scienziati presenti all’interno della base del RIFT che ci farà un po’ da HUB centrale per tutto il gioco.

Il titolo non mancherà di colpi di scena, più o meno importanti, che faranno piacere di certo a tutti gli appassionati di fantascienza e multiverso, e questo non fa che aumentare la profondità di un gioco che riesce ad elevarsi dalla massa proprio per la qualità della scrittura e del suo comparto artistico.

Siamo di fronte ad uno stile molto cartoonesco e colorato, piacevolissimo da vedere ed incredibilmente adatto al tipo di storia e al genere trattato.

Difficile non innamorarsi dei tratti e del design dei personaggi che entreranno subito nel cuore di ogni giocatore che deciderà di affrontare quest’avventura.

Anche il comparto sonoro non è da meno, anche se ad un livello decisamente meno brillante ed interessante nonostante riesce ad accompagnare piuttosto discretamente l’azione di gioco con il suo anonimato.

double cross
Character design 10/10.

Il livello di difficoltà di Double Cross è piuttosto alto, soprattutto dopo le prime ore di gioco quando inizierete ad andare incontro a qualche game over che inizierà a farsi sempre più presente e pressante nelle vostre partite.

Nonostante ciò il titolo è però molto divertente, veloce da giocare e non richiede un numero eccessivo di ore per essere completato, a patto di apprezza questo genere di giochi in cui dopo qualche sessione inizieremo ad avere a che fare con un’azione piuttosto ripetitiva, anche se intervallata da un notevole comparto narrativo.

Concludendo, Double Cross è un titolo che sa sicuramente divertire con estrema eleganza e semplicità: decisamente da tenere sott’occhio.

Disponibile per Nintendo Switch (versione testata) e PC.