Durante una recente intervista per la rivista giapponese Weekly Famitsu (riportata poi da Twinfinite), John Sweeney e Arne Meyer di Naughty Dog hanno rivelato alcune interessanti dinamiche tra gli studi first party di Sony.

Stando alle loro dichiarazioni, tra i vari team esiste una sana competizione che non vieta loro di interrogarsi a vicenda su come abbiano raggiunto determinati risultati. Secondo quanto raccontato da Meyer, il fatto di poter giocare i videogiochi degli altri team aiuta a realizzare nuove possibilità che si possono concretizzare in un proprio progetto.

I videogiochi menzionati dai due sviluppatori che rientrano in questo aspetto sono il recente Marvel's Spider-Man, God of War e Horizon: Zero Dawn. In particolare questi tre stanno aiutando il team di Neil Druckmann nella realizzazione di The Last of Us: Part II.

Meyer ha confermato che esiste un senso di competizione tra i diversi team, ma c'è anche la consapevolezza che, appena si trova qualcosa che affascina il team, si può andare a chiedere agli autori "come siete riusciti a fare questo?", ricevendo poi il loro aiuto.

Ciascuno dei team first party, da Naughty Dog a Insomniac Games, può in qualsiasi momento bussare alla porta dei colleghi per migliorare a sua volta le produzioni grazie ai loro segreti. Cosa ne pensate di questa sana competizione tra i team Sony? Fatecelo sapere con un commento.

E3 2018

[wp_ad_camp_1]