Durante la trasmissione ExtraLife su Mixer è intervenuto il boss della divisione Xbox, Phil Spencer, il quale ha spiegato per quale motivo Microsoft sarà presente all'E3 2019. Sappiamo già infatti  che Sony, l'eterna rivale del colosso di Redmond, non parteciperà all'edizione del prossimo anno dell'evento videoludico più importante al mondo.

"L'E3 è un evento estremamente interessante per Microsoft", spiega Spencer ripercorrendo le precedenti edizioni dello fiera californiana e ricordando che "quando ero giovane, l'E3 era uno spazio dedicato ai rapporti tra sviluppatori e rivenditori e serviva a capire quante cartucce sarebbero state prodotte e vendute per le vacanze".

"[...] Con il tempo, l'E3 si è trasformato e, da semplice spazio per addetti al settore, è diventato una vetrina per l'intera industria". Lo show come lo conosciamo oggi coinvolge infatti stampa, sviluppatori e il pubblico.

"Potremmo organizzare un evento simile da soli, ma pensiamo solo che l'E3 sia un modo fantastico e, in tutta franchezza, conveniente per i nostri fan di provare i videogiochi perché è una festa che si svolge negli Stati Uniti, a Los Angeles", spiega Spencer.

Per le persone che vivono negli USA, ribadisce Spencer, "è facile recarsi a questo show e condividere il loro amore per i videogiochi. Penso però che la formula cambierà in qualche modo, specie se pensiamo a tutti questi eventi come l'XO, il FanFest, la Gamescom... l'ultimo fanfest, ad esempio, l'abbiamo organizzato in contemporanea sia a Città del Messico che a Milano".

Cosa ne pensate delle parole di Phil Spencer sull'evento più importante dell'anno? Fatecelo sapere con un commento.

e3

[wp_ad_camp_1]