The Legend of Zelda: Breath of the Wild è uno dei capitoli più importanti e più apprezzati dell'intera saga videoludica che vede come protagonista Link, eppure, stando a quanto riportato da Nintendoinsider, non verrà inserito nella timeline dei Zelda.

A rivelarlo è stato Eiji Aonuma, produttore della serie in questione. La ragione, a suo dire, è da ricercare in Nintendo, alla quale è piaciuto vedere che ognuno ha la propria interpretazione dell'avventura e che, se limitassero il gioco inserendolo nella storia complessiva, questo "eliminerebbe l'immaginazione".

"Abbiamo realizzato questo gioco con l'intenzione di tornare alle nostre radici, quindi la risposta dei giocatori che si sentono come quando erano giovani è promettente", ha affermato Aonuma. "Dato che Nintendo Switch è portatile, spero che saranno in grado di impegnarsi a fondo nel gioco in un modo nuovo e originale."

"In libri come The Legend of Zelda Encyclopedia, pubblicato di recente, abbiamo rivelato dove "cade" ogni gioco di Zelda su una timeline e come le loro storie erano collegate, ma non l'abbiamo fatto per Breath of the Wild".

"C'è una ragione per questo. Con questo gioco, abbiamo visto quanti giocatori stavano giocando a modo loro e hanno avuto quelle reazioni che ho appena menzionato. Ci siamo resi conto che la gente si stava divertendo a immaginare la storia emersa dalle immagini frammentarie che stavamo fornendo".

"Se definissimo una linea temporale ristretta, allora ci sarebbe una storia inquadrata, e questo eliminerebbe l'immaginazione. Vogliamo che i giocatori possano continuare a divertirsi a immaginare questo mondo anche dopo aver finito il gioco, quindi, questa volta, abbiamo deciso di evitare di fare dei chiarimenti. Spero che tutti possano trovare la loro risposta, a modo loro".

Cosa ne pensate di questa scelta intrapresa dal produttore e da Nintendo stessa? Fatecelo sapere con un commento.

[wp_ad_camp_1]