Una delle attività, forse quella principale, che mi ha tenuto ben distante dal proseguire con la storia di Red Dead Redemption 2 è quella della caccia, è solo a causa di un orso grande e cattivo se io ancora non mi sono schiodato dalle prime missioni del capitolo due.

Già, l'orso leggendario che ci viene proposto come tutorial per cacciare le bestie di grossa taglia nel gioco, quello per cui la missione si conclude con il nostro fallimento ma che ci lascia la possibilità di rimanere nel territorio e di provare a cacciare quel ciccione.

Quindi cosa avrei dovuto fare? Continuare con la storia senza provare almeno un'altra volta a cacciare il mio orsacchiotto?

Solo un'altra volta, già. L'ultimo pensiero razionale prima di perdermi nella caccia a quello che di li a poco sarebbe diventata la mia balena bianca, la mia stupida ossessione che mi avrebbe tenuto non solo lontano dalla main quest ma anche dall'accampamento, dal resto degli NPC e dalle rimanenti attività secondarie presenti all'interno del gioco.

Vedete, il fatto è che Red Dead Redemption 2 presenta un sistema di caccia, al netto di tutti i suoi difetti, notevole: abbastanza complesso da soddisfare gli animi più strategici ma allo stesso tempo approcciabile in differenti modi così da risultare divertente e più abbordabile anche dai giocatori più “arcade”.

red dead redemption 2
Maledetto.

In che senso? Bene, su Red Dead Redemption 2 è possibile cacciare qualunque cosa si muova e produca carne semplicemente seguendone le tracce, appostandosi, non fare rumore e colpire quando la bestia meno se lo aspetta.

Fin qui niente di troppo strano, fino a quando non subentrano i cosiddetti animali leggendari, animalacci parecchio insidiosi da cacciare che conferiscono parecchi bonus e materiali nel caso in cui vengano sconfitti.

Se nelle normali situazioni di caccia siete a cavallo, vedete un Antilocapra, scendete e provate a spararle una freccia, per vederla scappare per poi seguire le traccie fino a trovarla, qualche metro più avanti, e finire il lavoro, con gli animali leggendari la questione è diversa.

Bisogna prepararsi: cucinare delle esche, più o meno potenti, entrare nel loro territorio e cercare segni del loro passaggio.

Arbusti rotti, feci per terra, semplici orme o resti di altri animali (o piante) mangiucchiati e lasciati marcire sul terreno sono tutte ottime tracce da seguire per trovare il bestio di turno.

red dead redemption 2
A noi due!

Il gioco ci spinge ad usare “i sensi di ragno” per vedere tutte le tracce attorno a noi, ma io ho preferito un approccio meno “video” e più “ludico” cercando per conto mio, ad occhio nudo, tali segni del passaggio della mia balena.

Più difficile? Sì. Più lungo e tedioso? Probabile, ma l'esperienza mi ha arricchito notevolmente lasciandomi parecchio soddisfatto del risultato ottenuto.

Una volta raggiunto il luogo in cui il simpaticissimo bestioncello ha smesso di lasciare tracce attorno a sé possiamo agire in due modi: accovacciarci e cercare la sua ingombrante figura molto lentamente per poi piantargli qualche pallottola in mezzo agli occhi o piazzare l'esca e appostarci aspettando molto pazientemente.

Avrete capito che sono una persona molto noiosa in questo genere di giochi, quindi ecco che piazzo questa trota strana nella radura e mi piazzo dietro una roccia, con il fucile puntato nella sua direzione ad attendere, pazientemente che la natura faccia il suo corso.

Quasi un giorno intero di appostamento per vederlo finalmente spuntare. È lei! La mia balena bianca, la mia piccola ossessione.

red dead redemption 2
Solo. Io e la mia ossessione.

Sparo un colpo, non muore, mi carica. Un altro colpo. Mi è addosso, lottiamo corpo a corpo, lui per rabbia, io per la vita.

La perdo, la vita. Trafitto a morte dai suoi artigli, impotente di fronte alla sua stazza, di fronte alla sua forza.

Ci ho provato innumerevoli volte, anche con un approccio diretto, dimenticando, sempre, che non sono in grado di imbracciare un'arma e mirare a qualcosa. Non sono buono per gli shooter in terza o prima persona.

Nonostante la mia incapacità, si è messa in mezzo a me e al proseguimento dell'avventura la mia ostinata perseveranza.

“Moby Dick non ti cerca. Sei tu, tu che insensato cerchi lei!”, scriveva Melville in uno dei miei libri preferiti di sempre.

red dead redemption 2
E io che pensavo potesse essere una passeggiata.

Ora la vedo, la sento quell'ossessione: la mia ha il pelo folto e bruno, una cicatrice sull'occhio destro e una ferocia tale da farmi rimpiangere continuamente la mia scelta.

Non vedo i miei compagni all'accampamento da diverse notti. Non faccio visita in città, non spazzolo più il mio cavallo.

Non ricordo nemmeno come si interagisce con la gente che mi circonda. Emano un cattivo odore, avrei bisogno di un buon bagno, di un buon sonno, di una donna.

Avrei bisogno di un goccio, di qualcosa di diverso da quella brodaglia che non so con quale coraggio chiamino Bourbon. E non ne posso più di mangiare conigli bruciacchiati.

Ma ho bisogno di vedere quell'orso morto. Voglio rientrare con le sue pelli, con le sue carni. Voglio sapere di aver vinto.

Solo dopo, forse, posso tornare a pensare ai miei compagni e alla faida con gli O'Driscol. Adesso non mi importa. Continuate voi, il mio viaggio è in pausa fino a data da destinarsi.