Il gameplay di Cyberpunk 2077 mostrato ad inizio settimana dai ragazzi di CD Projekt RED ha lasciato sbalorditi tutti quanti, data la sua grafica mozzafiato e le meccaniche di gioco (sebbene si tratti ancora di uno stadio iniziale del gioco).

Una delle feature più interessanti intraviste durante il giocato è la distruttibilità che, stando a quanto dichiarato dal team polacco, stanno ampiamente discutendo per capire come implementarla al meglio.

Interrogato dai colleghi di IGN USA, il level designer del gioco, Miles Tost, ha effettivamente confermato che la feature è ancora da definire a pieno: "stiamo cercando di spingere per quanto riguarda l'interattività del mondo di gioco aggiungendo dettagli dal punto di vista fisico".

"Il gioco sarà fortemente fisico, avrà parecchia distruzione. Potete vederlo già nella demo quando si spara a un pilastro che inizia a sfaldarsi. Tutto questo si aggiunge alla natura del mondo di gioco al fine di fornire davvero la nostra visione di ciò che è una versione molto cupa del futuro".

"Il mondo di non è un luogo meraviglioso in cui tutti sono felici. È intrinsecamente distopico e vogliamo mostrare il lato macabro della vita, la realtà fatta di sparatorie con armi estremamente avanzate in un mondo in cui le persone interagiscono con armi e cyberware di livello militare che sono presenti solo per uccidere persone".

"Ogni piattaforma ha solo un certo quantitativo di performance in grado di sostenere", ha sottolineato Tost. "Se ci pensi in quanto sviluppatore, come vuoi amministrare queste capacità? Vuoi avere più NPC? Vuoi riempire uno spazio molto ampio nella città? Oppure vuoi che le ambientazioni siano più distruttibili? Vuoi che l'illuminazione sia migliore o vuoi avere una IA più complessa?".

Voi cosa ne pensate? Vorreste la distruttibilità implementata nel gioco di CD Projekt RED? Fatecelo sapere con un commento.

cyberpunk 2077

[wp_ad_camp_1]