Fin dal suo annuncio, fatto a ridosso dell’annuncio ufficiale di Operazione Apocalisse, contavo i giorni dalla pubblicazione della modalità Puzzle di Hearthstone.

Ho sempre adorato questo genere di modalità nei giochi di carte perché non solo sono, in genere, molto divertenti da giocare ma contribuiscono anche ad insegnarti qualcosa di nuovo sul gioco mettendoti di fronte a situazioni che non incontreresti normalmente.

Ma in cosa consistono questi puzzle?

Generalmente si tratta di situazioni create ad hoc all’interno delle quali bisogna riuscire a vincere nel turno corrente con le risorse a disposizione. Ma le varianti e le variabili sono così tante che l’unico limite è la fantasia.

Un limite che Blizzard, evidentemente, non ha vista la struttura del Laboratorio degli Enigmi approdato pochi giorni fa su Hearthstone.

Uno fra i miei preferiti.

I Laboratorio, presentato come una classica avventura, si compone di 4 “ale”, ognuna delle quali presenta una tipologia diversa di puzzle: Lethal, Mirror, Board Clear e Survival e diversi puzzle da affrontare per ognuna prima di poter accedere ai 4 puzzle finali di ogni serie caratterizzati da una difficoltà decisamente più elevata.

La prima categoria di puzzle, quelli Lethal, rappresentano qualcosa con cui si ha a che fare quotidianamente su Hearthstone: sconfiggere l’avversario. Alcuni dei puzzle proposti offrono un livello di sfida tanto alto e richiedono di pensare così tanto fuori dagli schemi da risultare frizzanti, nuovi e incredibilmente divertenti per chiunque, giocatori navigati e non.

In Mirror dobbiamo replicare esattamente la situazione della board avversaria: stessi servitori, stesse statistiche, stessa posizione. Penso si tratti della mia tipologia preferita un po’ perché parliamo di una tipologia di gioco atipica per Hearthstone e un po’ perché le soluzioni di alcuni di questi puzzle sono letteralmente geniali.

Riuscireste a tornare a 30 HP?

Board Clear ci mette di fronte, come per i Lethal, ad una situazione molto comune per gli avventori della Locanda: pulire completamente la board, sia nostra che dell’avversario.

Probabilmente si tratta della tipologia più complessa da svolgere poiché alcuni dei puzzle proposti richiedono un grado di attenzione e una conoscenza delle meccaniche più profonde del gioco incredibilmente alta. Attualmente sono il motivo per cui non ho ancora completato questa modalità.

Infine il Survival che ci richiede di arrivare ad avere 30 punti vita per sopravvivere all’attacco dell’avversario.

Personalmente è la tipologia che mi è piaciuta di meno poiché le carte e le situazioni da affrontare erano perlopiù uguali fra di loro, a cambiare era l’ordine delle giocate o simili. Insomma, bella l’idea pessima la realizzazione anche se non c’erano molte possibilità di rendere più varia questa tipologia.

Mi si sono volute delle ore per capire come fare fuori Electra.

Quello che possiamo ottenere completando tutti i puzzle è un dorso per le carte che possiamo sfoggiare in Classificata per dimostrare di avercelo più lungo di tutti gli altri giocatori, come sempre.

Il Laboratorio degli Enigmi di Hearthstone è sicuramente una delle migliori trovate di Blizzard degli ultimi anni che potrebbe aprire a dei nuovi scenari per il titolo di carte più giocato nel mondo digitale.

Con ogni nuova espansione si potrebbe pensare all’aggiunta di nuovi puzzle che contengano le nuove carte proposte, si potrebbe pensare a delle “daily challenge” in cui bisogna risolvere un particolare puzzle per avere accesso ad una ricompensa (come propone Duelyst già da parecchio tempo) e simili.

Come pulireste questa board?

Insomma, l’idea c’è, la realizzazione anche, servirebbe solo che Blizzard, cavalcando l’ondata di successo che questa modalità ha avuto fra la community, si desse da fare per ampliarla e supportarla maggiormente.

Non mi divertivo (e bestemmiavo) così tanto su Hearthstone da parecchio tempo: ogni sfida è stata ben pensata, calibrata al millesimo e disegnata a regola d’arte. Giocare ad Hearthstone in maniera così poco tradizionale non ha prezzo.

E ora è arrivato il momento di completare quei maledetti Board Clear per avere il mio dannatissimo dorso da sfoggiare con tutti.

[wp_ad_camp_1]