Dopo il successo del remake del primo Resident Evil mi aspettavo di vedere l'arrivo di una ri-edizione del secondo capitolo un po' di tempo fa, anche se così non è stato.

Al di là della sorpresa nella presentazione durante la conferenza di Sony, perché totalmente inaspettato, sono rimasto incredibilmente stupito da quello che ci stavano mostrando.

Resident Evil 2 è stato completamente rinnovato, non solo sul fronte grafica, ma anche sul fronte del level design che appare ora ancora più cupo, chiuso e claustrofobico.

resident evil 2

Certo, la chiave di volta sta nel motore grafico utilizzato, Il RE Engine utilizzato già per l'ultimo capitolo della saga che aveva contribuito a rendere il gioco molto più realistico e angosciante.

Immaginate di applicare tutta la sua potenza al secondo capitolo della serie e il gioco è fatto.

I luoghi appaiono ancora più cupi, dettagliati, stretti e pieni zeppi di angoscia: il solo vedere i nuovi corridoi stretti mi ha fatto tornare su le stesse sensazioni che avevo da ragazzino quando giocai per la prima volta il titolo originale.

Li giocava tanto la fantasia, ora potrei avere sul serio bisogno della mano della mamma.

resident evil 2

Il titolo, per tutto il resto, appare esattamente come lo ricordavamo con la semplice aggiunta di qualche chicca in più negli ambienti (ora che è possibile farlo!) con tanto di qualche rimando ad altri capitoli della serie giusto per rendere i fan e i veterani del gioco ancora più felici di ritornare a Raccoon City.

Il grandissimo lavoro svolto sul fronte tecnico, ed estetico, ha dell'incredibile visto tutto quello che sono riusciti a fare, e ad inserire a livello di dettaglio, che è proprio il punto di forza di questa nuova edizione di Resident Evil 2.

Possiamo tornare a gioca re nei panni di Claire e Leon già dal prossimo gennaio e, sono certo, si tratterà di un'esperienza indimenticabile sia per noi giocatori più anzianotti che abbiamo già vissuto sulla nostra pelle quelle vicende, sia per i nuovi “adepti” che potranno vivere il brivido di quel secondo capitolo all'interno di una cornice tecnica così meravigliosamente costruita.

resident evil 2

Dal trailer non possiamo evincere molto altro se non tutti i nuovi dettagli sul mondo di gioco: la stazione di polizia, ad esempio, appare ancora più bella, realistica e sopratutto piena di tutti quei dettagli che non solo ci hanno fatto impazzire da giovincelli, come la grande statua nella hall, ma che ci faranno impazzire di gioia anche oggi.

Anche i personaggi hanno subito qualche piccolo restyle qua e la, un'evoluzione dovuta alla rinnovata potenza dell'hardware e alle enormi possibilità offerte dal nuovo engine di gioco.

Sono pienamente convinto che Resident Evil 2 soddisferà, di nuovo, critica e videogiocatori e io non vedo l'ora, il prossimo 25 gennaio, di tuffarmi nuovamente a Raccoon City.

[wp_ad_camp_1]