Surviving Mars è il nuovo gioco creato da Haemimont Games, nota al pubblico per le serie di Tzar, Imperivm e Tropico, e pubblicato da Paradox Interactive in uscita per PC (Windows, Mac e Linux), PlayStation 4 e Xbox One.

Per quanto il titolo in questione possa ricadere sotto la voce di city-builder è innegabile che questa definizione sia riduttiva, presentando al suo interno caratteristiche da survival, come nel noto indie Banished, ma anche da "RPG", con una lore che si sviluppa man mano che si procede nella partita.

Per iniziare la propria colonizzazione l'utente avrà sotto mano due opzioni ovvero una creazione veloce della partita, oppure una opzione nella quale ci si dovrà districare tra numerosi parametri:

  • scegliere tra uno dei dieci sponsor della missione proposti (tra le altre cose, variano il numero di razzi a disposizione, di fondi nonché di eventuali punti ricerca).
  • scegliere il profilo del comandante della missione (generalmente portano con loro una tecnologia gratuita ed un altro buff).
  • scegliere uno dei nove misteri proposti. Questi essenzialmente servono a modificare la lore di gioco ed entrano in partita ad uno stadio abbastanza avanzato comprendendo anche eventuali incontri con razze aliene.
surviving mars
Già scegliere dove atterrare è un'impresa.

Una volta impostato il carico del primo razzo, arriverà il momento di decidere ove esso si poserà: di base sono segnati alcuni punti consigliati, ma nulla vieta al player di creare la propria colonia in un qualsiasi luogo del pianeta rosso, con ovvie variazioni alle risorse e ai pericoli presenti in loco quali tempeste di sabbia e pioggia di meteoriti.

Tutti i parametri iniziali e la scelta della base concorreranno ad ottenere un coefficiente di difficoltà del gioco, importante anche per il punteggio di fine partita in quanto crea una sorta di classifica dei migliori utenti al mondo come succedeva negli ultimi capitoli di Tropico (classifica comunque al momento assente).

La vera e propria mappa di gioco è formata da 100 quadrati da esplorare in modo tale da permettere l'ampliamento della propria base nonché la scoperta di nuove risorse e/o tecnolgie.

Molto realisticamente, ad inizio partita si avranno a disposizione solo alcuni veicoli e droni, da sfruttare per costruire i primi impianti di raccolta risorse e sopravvivenza, quindi i nostri coloni giungeranno solo in un secondo momento, andando a vivere e lavorare in apposite cupole.

surviving mars
I droni svolgono tutti i servizi di costruzione, manutenzione e trasporto.

Proprio le cupole con i loro abitanti sono al momento uno dei principali punti deboli di Surviving Mars, non tanto dal punto di vista dell'IA (ogni terrestre è dotato di propria personalità e propri desideri/bisogni), quanto per il fatto che non si possono trasferire da una cupola all'altra ergo, soprattutto ad inizio partita, il giocatore dovrà fare i salti mortali per venire incontro alle loro esigenze particolari ed al contempo a quelle della partita stessa.

Ciò significa, ad esempio, che non si potranno costruire cupole di sole abitazioni o di soli posti di lavoro, ma il tutto dovrà essere ben bilanciato. Voci di corridoio dicono che Haemimont Games permetterà i trasferimenti attraverso una delle prossime patch od espansioni ma, appunto, al momento rimane tutto un rumor.

Le risorse presenti su Marte sono sotanzialmente quattro ovvero depositi di metallo, depositi di calcestruzzo, acqua e minerali rari. Tutte queste risorse sono importanti per un buon sviluppo della colonia ed inoltre si potranno trasferire i minerali rari sulla terra in modo tale da raccimolare ulteriore denaro per la propria missione.

Decisamente ampio l'albero delle ricerche che consiste in 90 ricerche "di base" divise in 5 campi (biotecnologie, ingegneria, robotica, fisica, antropologia sociale). A queste ricerche si aggiunge il ramo delle "scoperte fondamentali" che varieranno in base alle nostre scelte inizali nonché a quello che i giocatori scopriranno sul suolo di Marte. Tutte queste scoperte serviranno soprattutto a sbloccare nuove costruzioni o rendere macchinari ed esseri umani più efficienti.

surviving mars
L'enorme albero delle ricerche, velocizzabili spendendo denaro.

Da un punto di vista tecnico, il gioco non risulta particolarmente pesante e viaggia tranquillamente a 60 fps anche su PC di fascia medio-bassa. Presenta comunque ancora alcuni bug che potrebbero fare crashare la partita, ma che sicuramente verranno risolti nelle prossime patch.

Risultano inoltre ben create le rappresentazioni stesse del pianeta e del cielo, anche se le costruzioni e soprattutto i droni e gli umani hanno un aspetto vagamente cartoonesco e non sempre ben definito, aspetto che potrebbe infastidire qualche player.

Come in Cities: Skylines, altro gioco pubblicato da Paradox Interactive, sono presenti diverse stazioni radio che faranno da sfondo musicale a Surviving Mars, ma in genere la scelta musicale non appare troppo varia, sebbene in stile volutamente fantascientifico, e dopo qualche ora di gioco potrebbe annoiare i più.

Altro problema risulta essere una sostanziale mancanza di contenuti nelle fasi avanzate della partita, in quanto il numero di edifici a disposizione del player è limitato, costringendolo tendenzialmente a costruire le stesse cose. Rimaniamo comunque fiduciosi in attesa delle future espansioni del titolo (già in programma), mentre nel frattempo si può sfruttare il supporto alle mod via Workshop di Steam, che a nemmeno una settimana dal lancio del titolo conta già quasi 400 oggetti.

surviving mars
Dopo una dura giornata di lavoro non c'è nulla di meglio che riposare.

Da segnalare infine la mancanza dell'italiano tra le lingue di gioco e l'assenza di un vero e proprio tutorial (sostituito da consigli in game) che potrebbe disorientare i player non avvezzi al genere.

Tirando le somme ci troviamo di fronte ad un titolo già sufficientemente buono nonché dotato di discreta profondità e realismo, ma con molto potenziale inespresso che speriamo troverà la luce nell'arco dei prossimi mesi.

Versione testata PC, disponibile per Xbox One e PS4

[wp_ad_camp_1]