Dopo una partenza decisamente incerta, Tom Clancy's Rainbow Six Siege si è riscattato ed è riuscito a farsi amare dai videogiocatori.

Molti di essi, dato il successo del brand, si aspettano ora un suo diretto seguito, ma Ubisoft ha idee nettamente differenti. Durante l'edizione 2018 del Six Invitational, conclusasi ieri, lo studio francese ha confermato che non ci sarà alcun seguito, bensì il gioco verrà costantemente supportato.

La loro intenzione è di supportare Rainbow Six Siege per altri 10 anni, proponendo ai giocatori un complessivo di 100 Operatori. Di questi 100, otto arriveranno durante l'Anno 3 del gioco.

Ieri sono stati infatti annunciati i primi due Operatori di questo terzo anno, ovvero Lion e Finka. Inoltre, ci saranno anche miglioramenti sul lato del gameplay, e l'intenzione di ribilanciare alcune mappe per la modalità Bomba.

Insomma, Ubisoft sembra intenzionata a fare sul serio con Tom Clancy's Rainbow Six Siege.

Blood Orchid

[wp_ad_camp_1]