In queste ore si sta discutendo molto delle parole di Manveer Heir, ex gameplay designer presso BioWare Montreal e quindi di Electronic Arts.

Heir sta divulgando alcune situazioni interne avvenute nel corso degli anni in cui ha lavorato presso l'azienda statunitense, ed in una recente intervista per Waypoint (e riportata da Eurogamer.net) lo sviluppatore ha parlato del perché EA si sta orientando sempre di più verso il multiplayer.

Lo sviluppatore ha lavorato per produrre giochi come Mass Effect 3 (per lo più la parte multiplayer) e Mass Effect Andromeda, e rivela che il vero motore dei soli per Electronic Arts sono proprio il multiplayer e l'openworld.

Non a caso l'ultimo capitolo di Mass Effect uscito presentava una campagna volta all'esplorazione, in quanto erano presenti pianeti esplorabili e quindi open-world.

In questo modo, EA ha potuto inserire le tanto chiacchierate microtransazioni e guadagnare su di esse.

"Loro premono generalmente su giochi open-world. E il motivo è che si possono monetizzare meglio. Perché EA si dovrebbe interessare a questa formula?".

"Il motivo è perché si possono inserire le microtransazioni: comprare le card pack nei giochi Mass Effect, il multiplayer. È lo stesso motivo per cui abbiamo aggiunto le card pack in Mass Effect 3: come fai a convincere la gente a tornare su un gioco invece di farla giocare dalle 60 alle 100 ore?".

Manveer Heir

"EA e altri grandi publisher in generale importa solamente avere un grande ritorno negli investimenti. A loro non interessa cosa i giocatori vogliono, interessa per cosa i giocatori pagano".

Sono parole che sicuramente fanno discutere, ma non è finita qua.

Giusto, perché Heir ha anche spiegato il motivo per cui Mass Effect Andromeda è uscito così disastrato dal suo sviluppo:

"Il problema è che cosa è uscito come prodotto finale di Mass Effect Andromeda non era quello per cui avevamo iniziato a lavorare".

"Abbiamo iniziato producendo un prequel chiamato Mass Effect Contact", ha continuato Heir, "e quando abbiamo iniziato a testarlo abbiamo realizzato che un prequel non era una buona idea e quindi ci siamo mossi per un sequel, con il team felice di questo".

"Abbiamo riavviato più volte lo sviluppo del gioco, quindi la versione del gioco che ne è uscita fuori è probabilmente la direzione presa negli ultimi due anni e mezzo di produzione".

Cosa ne pensate delle rivelazioni di Manveer Heir? Fatecelo sapere nei commenti.

[wp_ad_camp_1]