Qualche giorno fa il team eSport olandese PSV ha annunciato di aver ingaggiato come giocatore professionista di FIFA il ventiduenne Tony Kok.

È stato addirittura creato un breve trailer per l'occasione, che vi riporteremo in calce alla notizia.

Ma i giorni di gloria per il giovane Kok sono già finiti. Il giocatore è stato infatti cacciato dal team a causa di alcuni commenti sessisti che Kok ha pubblicato su Twitter.

Il team PSV ha dichiarato, in un comunicato stampa, che sebbene il team abbia fatto delle ricerche riguardanti il background del ragazzo, "Kok ed i suoi manager non hanno dichiarato correttamente alcune informazioni del suo passato".

Il team si riferisce ad alcuni tweet che Kok ha poi prontamente cancellato, ma che sono stati salvati da alcuni fan, in cui il ragazzo denigra attraverso commenti sessisti le donne.

Inoltre in un tweet insulta persino i fan del PSV dando loro dei "gay".

Parlando ad un sito olandese, il direttore generale del PSV Toon Gerbrands ha dichiarato quanto segue:

"Il comportamento di Kok è lontano dai valori che il team PSV ha mostrato di avere. Una collaborazione è quindi impossibile. Questa situazione è stata imbarazzante sia per noi che per lui".

Nel frattempo, i manager di Kok hanno dichiarato che sebbene il ragazzo sia il solo responsabile delle sue azioni, il recupero dei vecchi (datati febbraio 2013) tweet è stato fatto solo per ottenere una campagna denigratoria.

Cosa ne pensate di questa storia? Fatecelo sapere nei commenti.

[wp_ad_camp_1]