Questa settimana, Top & Flop guarda al futuro: passiamo da Mini SNES a G2A, da una novità riguardante Halo e Gears of War, a Steep e A Plague Tale; Innocence, in arrivo - o forse no - su Nintendo Switch. Si torna al presente solo quando dobbiamo analizzare il mondo degli eSport e degli eventi videoludici in generale.

Tra le notizie top, ad esempio, troviamo la dichiarazione che sono previste decisamente più copie di Mini SNES che di Mini NES (in questo, oltre a guardare al futuro, si impara dagli errori del passato) e quella che G2A ha appena attuato una politica volta a tutelare maggiormente i propri clienti, i cui risultati saranno visibili già nelle prossime settimane. Per finire - ultimo  ma non meno importante - troviamo un commento di Phil Spencer circa gli sviluppi dei prossimi capitoli di Halo e Gears of War.

Per quanto riguarda i flop, invece, ci interroghiamo sul futuro di Steep (pare che Ubisoft stia riscontrando numerosi problemi nel porting su Nintendo Switch) e di A Plague Tale: Innocence per gli sviluppatori del quale Nintendo Switch sarebbe troppo poco potente.

Tornando al presente, invece, troviamo un quesito riguardante il futuro di Overwatch intenso come eSport e la notizia della cancellazione di un evento videloudico riservato all'universo femminile a causa di rimostranze espresse dal pubblico maschile (e tentativi di boicottaggio).

I top della settimana

top

Dopo alcuni fraintendimenti circa la tiratura di Mini NES, Nintendo ha voluto essere più chiara parlando della produzione di Mini SNES. "Non forniremo numeri esatti, ma immetteremo sul mercato un numero molto più grande di Mini SNES, rispetto a quanto fatto con la Mini NES", si legge nel comunicato stampa relativo alla dichiarazione.

La nota piattaforma dal primo luglio ha attuato un cambio di politica allo scopo di tutelare maggiormente i propri clienti, combattendo l'illegalità. L'azienda, infatti, ha sempre offerto agli utenti due tipi di codici, quelli garantiti da G2A stessa e quelli messi in vendita da utenti privati. Questi in precedenza erano protetti da una forma di anonimato che rendeva gli scambi poco sicuri. Proprio a tal proposito, ora chi metterà in vendita delle key su G2A avrà un nome ed un indirizzo, in modo tale da essere rintracciabile in caso di truffa. L'introduzione di queste funzionalità è sicuramente dettata dalla volontà dell'azienda di rifarsi della pessima nomea che si è guadagnata in questi anni. Sono state infatti molteplici le accuse mosse a G2A, colpevole secondo molti di tutelare diversi comportamenti fraudolenti dei propri utenti.

Durante una recente intervista, il boss di Xbox, Phil Spencer, ha accennato qualche informazione sui franchise di Halo e Gears of War. Spencer, infatti, avrebbe recentemente visitato 343 Industries (Halo) e The Coalition (Gears of War) e sostiene di aver visto "cose meravigliose" durante le proprie visite. Di certo sa come metterci la cosiddetta pulce nell'orecchio.

I flop della settimana

top

Le maggiori manifestazioni dedicate ad Overwatch non sono state rinnovate per quest'anno da diversi giganti del settore che non sono in procinto di tenere eventi eSport per questo titolo. Con il mancato supporto a questi tornei, vengono meno anche gli interessi delle aziende a sostenere i team competitivi, si riducono gli streaming Twitch di Overwatch e il gioco perde generalmente utenza, rendendo sempre meno proficua l'organizzazione di competizioni internazionali. Secondo alcuni report, la causa di questo calo di interesse nei confronti dello sparatutto di Blizzard potrebbe essere Blizzard stessa. La compagnia sostenne l'eSport di Overwatch con molti investimenti, che non sono poi stati rinnovati per il 2017.

In Spagna, qualche tempo fa a stato organizzato un evento a Barcellona, intitolato Gaming Ladies, con interviste a personaggi femminili illustri dell'industria videoludica, il cui accesso era riservato alle donne. Purtroppo, nelle scorse ore l'evento è stato cancellato. La ragione? Nelle scorse settimane, sull'equivalente spagnolo di 4chan si è scatenata l'ira di molti "uomini", che si sono sentiti probabilmente insultati, dal fatto che fosse un evento dedicato solo al mondo femminile. Al che è iniziata una vera campagna di boicottaggio dell'evento, con piani per infiltrare qualche uomo all'interno dell'evento per rovinarlo. Dopo innumerevoli pressioni, l'evento è stato cancellato dagli organizzatori stessi. Che dire, un altro grande successo per il bistrattato genere maschile. No?

Pare che A Plague Tale: Innocence, sviluppato da Asobo Studio, non arriverà mai sulla neonata console di Nintendo. "Si tratta proprio della potenza del device. In questo caso si tratta della quantità di topi a schermo. Troppe animazioni, troppe AI da gestire allo stesso tempo", ha dichiarato il CCO della software house. A questa notizia si va ad aggiungere quella che vede complicato il porting di Steep sulla sopracitata console: il lavoro di Ubisoft, infatti, pare essere stato rallentato da alcune difficoltà tecniche. Nonostante le insistenti voci, Ubisoft continua ad assicurare che Steep arriverà su Switch.

[wp_ad_camp_1]