Lavorare con Sony è davvero bello, almeno secondo David Condolora, dello studio Brain & Brain che ha realizzato l'indie Burly Men At Sea.

Le parole di Condolora, pubblicate da Gamasutra che ha avuto un'intervista con lo sviluppatore, rilanciano ancora una volta la questione del supporto del colosso nipponico ai team di sviluppo.

"Sony è più disponibile e interessata di Microsoft, ed è più facile interagire e lavorare con loro", ha dichiarato Condolora.

Al boss di Brain & Brain è stato poi chiesto se con gli annunci di Microsoft riguardo un maggiore supporto agli indie, la situazione per loro possa cambiare.

"Sony è la più importante. Quando sviluppi un gioco, vuoi uscire sulla piattaforma che ha più occhi puntati addosso. La nostra esperienza con Microsoft è stata abbastanza il contrario rispetto a quella che abbiamo avuto con Sony, e non rispecchia quello che hanno detto. Stanno cercando di essere più presenti, ma il nostro gioco è troppo piccolo o di nicchia per interessargli. Quindi non c'è stato interesse".

La compagnia di Redmond è così ostile nei confronti delle software house o è Brain & Brain ad essere esageratamente risentita nei loro confronti?

[wp_ad_camp_1]