Era nell'aria già da tempo, e sin dal finale del primo capitolo si era compreso che un seguito era necessario.

Durante la conferenza tenutasi questa mattina presto, Bethesda Softworks ha finalmente svelato The Evil Within 2. Il gioco, sviluppato dal maestro degli horror Shinji Mikami nonché padre di Resident Evil, farà il suo ritorno nel mese di ottobre sulle console dell'attuale generazione e su PC.

Il detective Sebastian Castellanos torna come protagonista assoluto, intento questa volta a salvare sé stesso dalla dannazione e dal suo passato oscuro. Come viene svelatoci dal trailer stesso, proiettato per la prima volta durante la conferenza, il motivo che muoverà il detective ad affrontare nuovamente gli incubi provocati dal macchinario STEM è il tentativo di salvare sua figlia Lily.

Creduta morta in un incendio, viene rivelato che in realtà è ancora viva e viene data a Sebastian la possibilità di salvarla. Ed ecco quindi che il nostro eroe ordinario torna a rivivere il dolore ed i tormenti del passato affinché possa salvare sua figlia e trovare quindi un motivo per andare avanti nella sua fin'ora tormentata vita.

Sembra quindi che questo seguito sia decisamente più macabro rispetto al suo predecessore, con un Sebastian Castellanos molo più preso emotivamente e segnato dal dolore. Tutto questo lo si può evincere dal trailer, accompagnato da un'inquietante cover della canzone Ordinary World dei Duran Duran. Durante quest'ultimo, viene infatti mostrata una bambina (molto probabilmente la figlia del protagonista) mentre viene bruciata viva.

La mente tornerà a farla da padrona in The Evil Within 2, con il nostro amato detective che tornerà a farsi largo tra numerose tipologie di nemici e spaventose creature create, molto probabilmente, dal macchinario stesso.

Per quanto riguarda la trama di gioco, si hanno veramente poche informazioni. Sappiamo, però, che in questo nuovo capitolo faranno il loro ritorno alcuni volti del passato che aiuteranno il protagonista nella sua redenzione, e avremo a disposizione un mondo più vasto e orientato all'esplorazione rispetto alla linearità che caratterizzava The Evil Within.

Questa volta verremo infatti catapultati nell'inquietante cittadina di Union, una delle terribili creazioni dell'organizzazione segreta denominata Mobius, responsabile della distruzione della vita precedente del detective.

Nonostante questo piccolo cambio di direzione nel level design, però, sembra che faranno il loro ritorno alcune delle meccaniche che hanno caratterizzato il primo capitolo, come ad esempio la scarsità di munizioni o la possibilità di scelta tra l'affrontare ogni tipo di situazione tramite un approccio stealth oppure scegliere una via più "caciarona", con il rischio però di rimanere subito a corto di munizioni. Non mancheranno poi, come è giusto che sia per un titolo di questo genere, i momenti in cui salterete dalla sedia e rimpiangerete di aver acquistato il gioco.

the evil within 2-02

Ovviamente questi lati del gameplay appena descritti verranno sensibilmente migliorati in The Evil Within 2, come anche tanti altri lati prettamente tecnici. Da quanto è stato mostrato durante la conferenza, ad esempio, abbiamo potuto notare che la legnosità del protagonista che era presente in The Evil Within e che ha dato non poco fastidio a molti giocatori è stata del tutto eliminata, risultando ora il tutto più naturale e pratico ai fini del gameplay.

Per quanto riguarda il lato grafico, non si è ancora a conoscenza del motore che muove il tutto: vedremo una versione migliorata dell'id Tech 5, oppure una sua diretta evoluzione? Fermo restando che, quanto visto durante il mostrato della conferenza e dagli screenshot pubblicati conseguentemente, sembra esserci stato un importante salto in avanti sotto questo aspetto.

Purtroppo Bethesda ci ha semplicemente fornito un trailer che ci introduca alla storia di questo nuovo capitolo, lasciando quindi a bocca asciutta tutti coloro che si sarebbero aspettati quantomeno una demo che mostrasse non solo la potenza del nuovo motore grafico, ma anche la solidità del gameplay e le novità introdotte. Per fortuna, però, non dovremo aspettare molto prima di poter mettere le mani sul prodotto ultimato, dato che, salvo ulteriori posticipi che non credo verranno effettuati, sarà disponibile entro la fine di quest'anno.

The Evil Within 2 cercherà in ogni modo di entrare di diritto tra i migliori titoli del 2017, se non tra i migliori in assoluto nel genere survival-horror. Mentre il primo capitolo non aveva grossi rivali in quest'ambito all'epoca della sua uscita, non riuscendo comunque a convincere del tutto la critica, questa volta abbiamo un Resident Evil 7 che ha già lasciato il suo segno e che cercherà con tutte le sue forze di non farsi cacciare dal suo trono.

Riusciranno quindi Bethesda e Tango Gameworks nella loro impresa? Con le informazioni divulgate sin'ora e con quanto visto durante la conferenza, noi pensiamo che The Evil Within 2 abbia le carte in regola per poterci riuscire. E voi?

[wp_ad_camp_1]