Quando una persona non ama moltissimo videogiocare e vive nell'idea che un videogioco sia, essenzialmente, una perdita di tempo è molto difficile, quasi impossibile, farle cambiare idea.

Un po' perché dentro di sé continuerà a pensare che nonostante quello che sta facendo le stia piacendo, sta perdendo semplicemente tempo a fare qualcosa di poco costruttivo, un po' perché non può darsi per vinta così facilmente.

La mia ragazza è esattamente così. Anche quando sbatte il muso davanti ad un gioco che le piace, difficilmente riesce ad ammetterlo, probabilmente per non darmi la soddisfazione di dirmi che avevo ragione.

La storia di oggi ha come protagonista 1-2 Switch e tutti i minigiochi al suo interno che necessitano di tanto movimento fisico.

Il motivo dietro la scelta di questo titolo è piuttosto semplice. Se devi convincere qualcuno che non apprezza il medium a videogiocare, allora fallo attraverso un party game divertente e pieno zeppo di  giochini ridicoli che ti fanno muovere in maniera simpatica.

Confesso che questo pensiero è stato il motivo portante dietro il mio acquisto del gioco al day one, uno spreco di soldi e di tempo se doveste ascoltare le parole della mia dole metà.

A casa, nonostante la voglia matta di iniziare il mio viaggio in quel di Hyrule, ho messo su 1-2 Switch, un po' perché ero con amici che erano ansiosi quanto me di vedere la console all'opera e un po' perché volevo coinvolgere la mia signora.

Ricordo il primo minigioco provato come se fosse ieri. Mungere le mucche era la prima attività che volevo svolgere su 1-2 Switch, fin dal primo trailer in cui si è vista avevo deciso che dovevo per forza provare sulla mia pelle quell'alone di ridicolo che aleggiava all'interno di quel giochetto in particolare.

La mia ragazza ha un passato di collaboratrice in una fattoria in cui ha avuto esperienze di questo tipo quindi è stato abbastanza “semplice” convincerla a duellare con me con quel particolare giochino.

Ho perso. E ho riperso. E ho perso ancora, fra l'ilarità generale e il suo faccino malefico soddisfatto.

1-2 switch
Il primo gioco provato.

Così siamo passati a provare un po' tutta l'offerta del gioco scoprendo, con mio grandissimo entusiasmo, che riuscivo tranquillamente a batterla nel minigioco della boxe e in tutti i giochini “femminili”.

Lei si stava divertendo, e lo si poteva tranquillamente capire dalle risate in compagnia di un gioco sul quale, qualche ora prima, non aveva puntato niente additandomi anche lo spreco di soldi che avremmo potuto utilizzare per uscire a cena assieme un paio di sere.

Ho aspettato pazientemente la fine della sessione di gioco per mettermi davanti a lei e poterle rinfacciare, finalmente, che avevo ragione e che ogni tanto comprare un videogioco non equivale ad uno spreco né di tempo né di soldi.

Ho utilizzato l'esempio delle ore appena trascorse assieme per mostrarle quanto è interessante passare un pomeriggio alternativo in cui ci si può lanciare in un party game tutti assieme divertendosi, spiegandole anche quanto 1-2 Switch fosse effettivamente una sorta di evoluzione naturale dei giochi da tavolo.

“Alla fine ti è piaciuto, no?”

1-2 switch
Il suo giochino preferito.

“No”. “Come no? Giocavi, ridevi e ti stavi divertendo. Come fai a dire che non ti è piaciuto il gioco?” “Sì… cioè, era carino e mi sono divertita un po' ma non per questo mi è piaciuto”.

Ho provato un po' a riflettere su questo piccolo scambio di battute in merito a 1-2 Switch, cercando di capire se le sue risposte derivassero dal fatto di essere donna, dal non volermi dare ragione o se effettivamente ci fosse qualcosa di più “profondo” dietro.

Quando è che dico che un videogioco mi piace, in fondo? Quali sono i parametri che uso per giudicarne uno e quando capisco che è scattata la scintilla che fa la differenza fra un titolo “meh, passabile” e un titolo che “mi piace”?

Effettivamente c'è un abisso e sono tanti i giochi con cui “ho perso tempo” per i quali non nutro una grande simpatia nonostante le piacevolissime ore trascorse insieme.

In fondo non tutti i giochi belli mi piacciono anche se sono consapevole di divertirmi mentre ci gioco, così lei, consapevole che quelle ore in compagnia di 1-2 Switch la stavano divertendo, non è riuscita a farsi piacere il gioco.

1-2 switch
Il mio giochino preferito. Ovviamente ho perso.

Continuava ad essere una perdita di tempo alla fine dei conti. In effetti la capisco, forse anche troppo.

Un titolo come 1-2 Switch non ti lascia niente se non un piacevole ricordo in compagnia. Un'eredità di cui sono capacissime tante altre attività che non comportano il suo tanto decantato “spreco di soldi”.

Ho perso un sacco di tempo nella mia vita in effetti. Non ne ero consapevole prima di quel giorno. La odio un po' adesso…


Nei precedenti episodi di Due pad e una capanna:

Una coppia, un ragazzo che ama i videogiochi e una ragazza che li odia. Scoprite cosa potrebbe andar storto nella nostra nuova serie.

[wp_ad_camp_1]