La questione legata ai diritti di The Witcher 3: Wild Hunt tra lo scrittore Andrzej Sapkowski e CD Projekt RED è ormai storia vecchia e nota a tutti, ma in queste ore è stato rivelato a quanto sono stati venduti i diritti.

Stando alle parole di Sebastian Zieliński, ex capo di CD Projekt RED, l'autore avrebbe venduto i diritti della propria creatura alla software house polacca a "soli" $9.500.

Andrzej Sapkowski scelse di vendere i diritti di The Witcher in una unica tranche, senza ricevere alcuna royalty dalle vendite dei videogiochi.

Una scelta che si è rivelata purtroppo triste per lo scrittore, che aveva anche rifiutato una prima stesura del contratto poiché CD Projekt RED aveva scritto male il nome di Geralt, chiamandolo "Gerald".

Lo studio ha quindi trasformato la licenza del noto titolo che ha acquistato per $9.500 in un franchise da oltre 20 milioni di dollari.

Book World Prague 2010

CD Projekt RED rivela i dati finanziari del Q1 2017: The Witcher 3 ha venduto di più che nel 2016

CD Projekt RED ha pubblicato i dati legati all'anno fiscale conclusosi a fine marzo del 2017. Come sappiamo la software house polacca non ha portato nuovi titoli nel corso dell'anno, ciò nonostante i suoi risultati finanziari sono eccellenti.

Il primo trimestre del 2017 è stato, infatti, più prolifico di quello del 2016 con un incremento del 17% nelle entrate generali, che hanno raggiunto i 99 milioni di Zloty, la moneta polacca.

Detto ciò, anche la divisione gaming della software house è cresciuta del 10% pur non avendo prodotto alcun gioco. Incrementi sono stati visti anche per quel che riguarda la divisione di GOG.com cresciuta del 63%.

Insomma, sembra che la compagnia stia procedendo molto bene dal punto di vista finanziario e buon parte del merito dipenderebbe a due titoli, The Witcher 3 che con i vari DLC ha saputo mantenere alte le vendite, aumentate nel corso degli ultimi mesi, e Gwent il gioco di carte gratuito che comunque ha saputo registrate "ingenti entrate".

Continua a leggere

[wp_ad_camp_1]