Poco prima del rilascio il team di sviluppo rese noto il Season Pass per Ghost Recon Wildlands ed i contenuti previsti nel tempo. Ci ritroviamo a tre mesi circa dal lancio, avvenuto l'8 marzo, con tutto quello che era stato promesso per chi lo ha acquistato o per chi è in possesso della Gold Edition.

Riferendoci ad i contenuti di gioco e non agli elementi estetici, abbiamo visto arrivare sulle nostre console e PC, due espansioni che vanno ad ampliare la trama di gioco e le missioni previste. Dopo Narco Road è il momento di Fallen Ghosts, ed oggi vi proponiamo questa guida per ambientarvi e conoscere il nuovo scenario di gioco.

Mappa

Come per il DLC precedente per poter intraprendere la nuova operazione come Ghosts non saremo nella mappa di gioco della campagna singleplayer. In entrambi casi accederemo ai contenuti direttamente dal menù principale appena caricato il gioco.

Gli scenari del nostro campo di battaglia però saranno gli stessi, anzi una porzione della mappa "classica". In questo caso ci troveremo nella regione di Caimanes e Villa Verde che in Fallen Ghosts saranno suddivisi in Distretto Nord, Distretto Est e Distretto Ovest.

Proprio da quest'ultimo inizierà la nostra caccia agli Extranjeros. Ubisoft ha scelto dunque la regione più boschiva o meglio dalle tinte da giungla per questo nuovo contenuto, facilitando ma soprattutto dando l'idea dell'immersività e delle operazioni in incognito.

Se non ricordate bene la morfologia vi consigliamo di prendere confidenza con l'ambientazione nella campagna standard così da essere pronti ad ogni tipo di scontro in Fallen Ghosts.

Caimanes e Villa Verde ospitano molte insidie.....
Caimanes e Villa Verde ospitano molte insidie.....

Nemici

I nostri obiettivi stavolta sono gli Extranjeros, una nuova milizia assoldata dall'esercito dell'Unidad composta da uomini che nutrono sentimenti di vendetta verso gli yankees, i quali hanno neutralizzato la loro casa ed il loro credo nel cartello Santa Blanca.

Ci imbatteremo in quattro classi di nemici.

  • Corrazzato: sono fortemente protetti in tutto il corpo e l'unico modo per abbatterli in modo veloce è colpirli alla testa. A differenza dei nemici incontrati fino ad adesso sono molto più resistenti se colpiti al torace o gambe e braccia, chiedendo un dispendio enorme, e anche eccessivo, di proiettili.
  • Operatori speciali: dotati di balestra e di una mimetica speciale che li rende invisibili all'occhio umano. Li noterete lo stesso ma non così facilmente. Un alone di trasparenza li circonda ma spesso in combattimento non vi accorgerete della loro presenza. Il miglior modo è studiare lo scenario con il binocolo o il drone in visione termica così da individuarli immediatamente ed evitare brutte sorprese.
  • Tiratore scelto: sono forse i più letali ma anche i più facili da scorgere. Come il nome suggerisce sono dei cecchini a tutti gli effetti capaci, a seconda della difficoltà impostata, di uccidervi con un solo colpo. State bassi ed osservate bene, potrete scorgere il loro mirino laser anche oltre le coltri di nebbia.
  • Jammer: questi operatori sono dotati di un dispositivo, il jammer portatile. Questo vuol dire che se vi troverete nei paraggi di questi soldati il vostro drone sarà distrutto rendendo più difficile capire i nemici che ci circondano. Cercate di neutralizzarli per primi per poter scandagliare in tranquillità le forze nemiche.

Ognuno di questi nemici sono contraddistinti da un'icona unica in modo che possiate decidere come approcciarvi al combattimento. Ricordate infine che le altre forze sono presenti come il Santa Blanca ed i ribelli.

Equipaggiati con la migliore tecnologia, gli Extranjeros sono i nemici più forti incontrati finora.
Equipaggiati con la migliore tecnologia, gli Extranjeros sono i nemici più forti incontrati finora.

Armi e abilità

Se i nemici si fanno più impegnativi, le nostre abilità ed armi devono essere all'altezza. Partiamo dalle prime. Il nostro arsenale conterà 25 armi di cui sei completamente nuove. La grande novità che rivoluziona l'approccio in game è la balestra, una che troveremo nei primi minuti di gioco ed una esclusiva con l'uccisione di un boss.

Potranno essere equipaggiate con dardi speciali sbloccabili tramite l'albero delle abilità come i dardi esplosivi. Per il resto delle armi nonostante l'introduzione di nuove, in realtà le conosciamo bene, essendo versioni speciali dei boss delle classiche già incontrate in Ghost Recon Wildlands.

Piccola nota va dedicata al coltello che adesso è stato introdotto ma visibile solo tramite uccisione corpo a corpo a differenza del classico atterra, con animazione del colpo con il calcio dell'arma. Adesso quest'ultima è sostituita dall'assassinio tramite coltello.

Le abilità invece hanno tutto un altro aspetto ed utilizzo, ed attenzione, saranno utilizzabili sono in questo contenuto. Il drone è l'oggetto che riceve più aggiornamenti, che oltre a portarsi dietro le specialità del singleplayer come esplosivo, medico e via dicendo, adesso si specializza in tre particolarità:

  • Drone accecante: grazie al flash incorporato potremo accecare i nemici per poterli colpire alle spalle o usarlo come una via di fuga nel caso ci trovassimo accerchiati.
  • Drone Vendetta: con questa abilità attiva in caso il vostro drone venisse distrutto esploderà uccidendo o ferendo i nemici circostanti.
  • Drone d'attacco: questo drone è munito di un piccolo carico di munizioni ed è in grado di sparare piccole raffiche verso i nemici.

Per quanto riguarda le altre abilità si potrà usufruire di incrementi di salute e resistenza proiettili, di ossigeno e area di rilevamento.

Un drone potenziato ed una balestra saranno i vostri migliori amici
Un drone potenziato ed una balestra saranno i vostri migliori amici.

Incremento livelli

Fino a questo momento il livello massimo era fissato a 30. Con Fallen Ghosts si arriverà a 35, così da rendere più impegnativo lo sblocco delle abilità, esattamente nella stessa progressione di Ghost Recon Wildlands. Sbloccando almeno un livello di ogni abilità si avrà accesso a quella epica.

Ultimi consigli

In generale l'approccio a Fallen Ghosts richiede una scelta di tattica precisa e decisa. Essendo aumentata leggermente la difficoltà di base, nonostante il gioco lo permette, pagherà sicuramente meno affrontare i nemici a viso aperto rispetto ad una buona fase di studio della posizione dei nemici pre combattimento.

Questo vale ancor di più pensando che i nemici sono meno visibili per via del clima e della vegetazione dello scenario ed anche equipaggiati e corazzati meglio.

Se scegliete di affrontare Fallen Ghosts in difficoltà estrema è d'obbligo pianificare il vostro piano d'azione; se un nemico vi scorgerà prima che lo facciate voi ormai sarà troppo tardi!

[wp_ad_camp_1]