Durante una recente intervista con Eurogamer.net, Sam Lake ha rivelato alcuni retroscena di Remedy, ma anche qualcosa legato al suo futuro. In particolare ha approfondito alcune scelte della software house finlandese degli ultimi tempi.

Remedy ha da poco annunciato di essere al lavoro su una nuova IP, Project 7, di cui si sa ancora poco e niente a parte che a differenza che in passato non si sta pensando a questo titolo come ad una esclusiva per una console.

"Abbiamo lavorato con Microsoft Studios per 10 anni, con due grandi giochi. Si è trattata di una partnership molto buona. Per loro, la piattaforma è l'importante, ma noi siamo dei creatori indipendenti e alla fine vogliamo che il nostro titolo sia giocato dal maggior numero di persone", ha dichiarato Sam Lake.

Ha poi aggiunto che "creare un titolo multi-piattaforma è il passo logico successivo". Ovviamente Remedy non ha escluso la possibilità che venga posto in essere qualche accordo commerciale, ma per ora questo non sarà l'obbiettivo della software house.

remedy

Project 7 di Remedy sarà un titolo molto "rigiocabile"

Di certo ogni volta che Remedy ha tra le mani lo sviluppo di un titolo, bisognerebbe acuire l'udito e attendere con attenzione qualche novità. Si tratta di una software house dalle grandi capacità, ma che ovviamente può sbagliare.

Detto ciò, durante una recente intervista Sam Lake, il creative director della software house finlandese ha rivelato alcuni dettagli sul nuovo progetto di Remedy, vale a dire Project 7, annunciato qualche tempo fa.

Del gioco si sa poco e niente, tranne qualche dettaglio sul genere e sullo stile, cinematografico come sempre. Oltre a ciò, Lake ha svelato che a differenza del passato si punterà molto sul fattore "rigiocabilità".

Continua a leggere

[wp_ad_camp_1]