Qualche giorno fa era stato annunciato un drammatico divorzio tra Square Enix ed IO Interactive, una storica software house creatrice della serie di Hitman e che lo scorso anno ha pubblicato proprio un reboot, avente come protagonista l'Agente 47.

La software house, infatti, faceva parte di tutta una serie di studi, che lavoravano sotto il portafoglio di Square Enix. Recentemente in seguito alla riunione con gli azionisti si era deciso di tagliare ogni finanziamento alla software house, per poi metterla sul mercato.

Nelle scorse ore, sembra che sia arrivato un chiarimento a questa notizia. Infatti, il presidente di Square Enix, Yosuke Matsuda, ha chiarito che c'è comunque l'intenzione di mantenere dentro i confini del publisher giapponese i diritti di Hitman.

Questi ultimi sono in possesso di IO Interactive che a sua volta avrebbe tutta la volontà di portarseli dietro, in caso la compagnia venisse acquisita da qualcun'altro.

"Poiché l'azienda è impegnata nello sviluppo di Hitman e di altri titoli di rilievo, stiamo trattando con potenziali nuovi investitori che siano in grado di garantire la continuità dei suddetti titoli", ha dichiarato il presidente di Square.

Sembra quindi che ci sia ancora speranza per l'Agente 47.

hitman-6-screenshot

I diritti della serie Hitman rimarranno nelle mani di IO Interactive?

In seguito alla separazione tra il publisher Square Enix e la casa di sviluppo IO Interactive, molti utenti si sono detti preoccupati del futuro di Hitman.

Stando, però, alle parole del sito tedesco Gamestar.de, i giocatori possono dormire sogni tranquilli.

Alcune "fonti affidabili" vicino al portale tedesco, infatti, sostengono che anche in caso di vendita, i diritti del franchise rimarrebbero in ogni caso nelle mani della software house, che dunque potrebbe mandare avanti la serie sotto l'ala di un altro publisher.

Sembra, inoltre, che i lavori sulla seconda stagione siano già a metà dell'opera e che il progetto vedrà sicuramente la luce.

Continua a leggere

[wp_ad_camp_1]