In una recente intervista Reggie Fils-Aime, presidente di Nintendo of America, ha parlato a proposito di Nintendo Switch ovviamente. Fulcro della discussione è stata la strategia della compagnia giapponese di evitare la stessa debacle avvenuta con Wii U.

"Questo buisness è molto semplice. Quello che le terze parti vogliono è una grande, ed in crescita, base installata", ha dichiarato Fils-Aime. "Un ambiente di sviluppo semplice su cui lavorare. Vogliono avere la possibilità di monetizzare il proprio lavoro con le vendite iniziali o di DLC. Questo è quello che vogliono".

"Purtroppo con Nintendo Wii U non fummo in grado di venderne una quantità sufficiente. Lo saremo con Nintendo Switch, però", ha dichiarato fermamente il presidente di Nintendo of America.

"Ovviamente la lunga lista di sviluppatori annunciata, riguarda solo le persone emozionate dalla possibilità di lavorare sulla piattaforma. Con il lancio, con le nostre prime parti, sosterremo il momento e creeremo l'opportunità per le terze parti"

Si tratta senza dubbio di un piano "ambizioso". Ricordiamo che ai tempi di Nintendo Wii U, la console venne lanciata con diversi porting, di titoli tripla A. Purtroppo questi partner se ne andarono non appena le vendite colarono a picco.

La storia si ripeterà?

nintendo switch

Nintendo Switch avrà lo stesso impatto della Wii?

Nei giorni successivi alla presentazione di Nintendo Switch, molti dei publisher e degli sviluppatori coinvolti hanno rilasciato un'intervista a proposito della nuova console.

Tra questi partner c'è Ubisoft, da sempre una delle software house che ha prodotto più titoli terze parti sulle console di Nintendo. Recentemente ha parlato a proposito di questo Xavier Poix, direttore degli studi francesi della software house.

In seguito alla presentazione della console, Ubisoft ha annunciato che arriveranno su Nintendo Switch, in via preliminare tre titoli, vale a dire Steep, Just Dance 2017 e Rayman Legends.

"Questi tre giochi sono solo l'inizio", ha dichiarato lo sviluppatore. "Vi faremo sapere qualcosa di più sui nostri progetti su Nintendo Switch più avanti".

Dopodiché si è soffermato a parlare sulla console in se, definendola come una nuova Wii, per il successo che potrebbe ottenere. Quest'ultima, infatti "aveva una enorme attrattiva, inscluse famiglie e bambini, perchè offriva un motion controller da tenere semplicemente in una mano".

Continua a leggere

[wp_ad_camp_1]