Nella giornata di ieri è arrivata una brutta notizia per i possessori di Xbox One: Scalebound è stato ufficialmente cancellato, alcuni rumor vogliono per via di alcune diatribe tra Microsoft e Platinum Games.

A conferma di questa tesi ci sono alcuni tweet di Hideki Kamiya, direttore del progetto, risalenti al 2014 nei quali si lamentava del marketing della casa di Redmond.

In particolare un utente chiese al game designer se il trattamento riservato a Scalebound fosse migliore oppure no di quello che Nintendo riservò a The Wonderful 101, titolo del 2013.

Purtroppo il commento di Kamiya non lasciava troppo spazio all'immaginazione, facendo capire che già all'epoca qualcosa tra la loro partnership non andava.

Commenti ufficiali in merito al motivo della cancellazione del gioco non sono ancora arrivati, dunque prendete queste come semplici rumor.

Scalebound: Hideki Kamiya in pausa per rimettere in sesto la propria "salute mentale"

Le ragioni dietro la cancellazione di Scalebound rimangono ancora sconosciute di fatto. Nelle dichiarazioni ufficiali si parla di "attente valutazioni fatte" o di "decisioni difficili", senza, però, entrare mai nel merito della questione.

Le prime ipotesi su cosa sia veramente successo arrivano dagli angoli più reconditi della rete, per usare un eufemismo. Alcune voci parlano, infatti, di problemi del director del gioco Hideki Kamiya.

Di fatto si parla di uno stress lavorativo arrivato a picchi tali che , addirittura, lui stesso come molti altri membri del suo staff si sarebbero presi una pausa per rimettere in sesto la propria "salute mentale", come sostiene l'utente Shinobi602.

Altre voci, maggiormente affidabili parlano di diversi sviluppatori che in effetti si sarebbero presi delle ferie per problemi di salute. In ogni caso, se queste voci fossero confermate, sembrerebbe proprio che la produzione del gioco fosse inficiata da problemi interni non di poca natura.

[wp_ad_camp_1]