Scalebound sarebbe dovuto essere uno dei titoli più importanti dell'anno, come anche noi abbiamo avuto modo di ricordare in un recente Speciale, e la sua cancellazione è arrivata come un fulmine e ciel sereno per molti suoi aspiranti giocatori.

Nel giro delle ore successive all'annuncio da Microsoft sono giunti diversi commenti, che cercando di tirare su il morale ai fan. Tra questi ci sono quelli del sempre presente Phil Spence il quale ha commentato la notizia su Twitter, rispondendo ad un fan.

"Decisione difficile", ha dichiarato Spencer. "Noi crediamo che sia meglio così per i giocatori Xbox, ancora delusi. Siamo confidenti sulla line up di questanno su cui ora siamo focalizzati".

Questo dovrebbe essere l'anno di diversi titoli tanto attesi come Sea of Thieves, State of Decay 2, Crackdown 3, oltre a tanti indie da tempo attesi come Cuphead, Ashen o Below. In ogni caso rimarrà sicuramente un vuoto nella mente della community, dopo il recente annuncio.

L'annuncio della cancellazione di Scalebound

Con una nota inviata alle principali testate, Microsoft ha confermato la cancellazione di Scalebound. Questo il breve comunicato:

"Dopo un'attenta valutazione, Microsoft Studios è giunta alla decisione di terminare la produzione per Scalebound. Stiamo lavorando duramente per fornire una lineup incredibile di giochi ai nostri fan quest'anno, con Halo Wars 2, Crackdown 3, State of Decay 2, Sea of Thieves e altre grandi esperienze".

Scalebound era una delle esclusive più attese dai possessori di Xbox One e PC Windows 10. I primi rumor riguardo alla possibilità di una cancellazione erano arrivati da Kotaku, che era stato informato da diverse fonti concordanti.

Il sito aveva subito contattato Microsoft per ricevere informazioni in merito, ma la casa di Redmond aveva risposto che "presto" ci sarebbero state le novità poi giunte in serata.

Un'ulteriore conferma della cancellazione del gioco era la sua pagina dedicata su Xbox.com. Se infatti si prova a cercare il gioco a questo indirizzo, Scalebound apparirà nelle ricerche ma la pagina non sarà più visualizzabile.


Continua a leggere

[wp_ad_camp_1]