YongYea, un noto Youtuber appassionato delle opere di Kojima, ha pubblicato un filmato sulla piattaforma, paventando la possibilità di un'apparizione dell'attrice Stefanie Joosten in Death Stranding.

La Joosten, inoltre, aveva recentemente affermato di partecipare allo sviluppo di un nuovo videogioco in qualità di doppiatrice, anche se non aveva fatto dei riferimenti specifici al titolo di Kojima-san. Secondo YongYea, Stefanie visitò gli studi di Guerrilla proprio nel periodo dei meeting con Kojima Productions.

In passato, la modella e attrice era diventata famosa per aver prestato volto e voce a Quite in Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Che Kojima l'abbia voluta riprendere con se, dopo il successo del suo (ormai ex) gioco?

Vi lasciamo il video di seguito:

Death Stranding: utilizzata una nuova tecnologia per il motion capture

Durante una recente intervista Hideo Kojima ha parlato ovviamente riguardo al suo nuovo progetto Death Stranding.

Dopo i due enigmatici trailer e la rivelazione rispetto al motore di gioco, il game designer nipponico si è espresso riguardo una nuova tecnica di motion capture utilizzata per l'appunto durante le riprese necessarie alla creazione dei due video fin'ora mostrati.

"Death Stranding utilizza una scansione fotogrammetrica a 360°, oltre che tecnologie per catturare le azioni degli attori o attrici", ha rivelato Kojima durante l'intervista.

Secondo quanto riferito si tratta di una tecnica tutta nuova per la creazione di video in motion capture che non è mai stata usata in nessun film o produzione di questo calibro. La ragione non è data saperla. Il game designer però tende a sottolineare che con questo nuovo sistema, ogni movimento deve essere "pensato".

Kojima afferma, inoltre, che "proverò questa nuova tecnologia, oppure non farà parte del progetto".

Purtroppo non è stato rivelato niente di più, di conseguenza per capire qualcosa riguardo questa nuova tecnologia dobbiamo sperare che quest'ultima venga adottata ufficialmente per Death Stranding.

[wp_ad_camp_1]