Un po' in sordina il team di Ready at Dawn, il quale ha dato ai natali a uno dei primi action che sfruttava quasi completamente la potenza dell'odierna generazione di console, ovvero The Order: 1886, insieme anche ai capitoli per le console portatili di God of War, ha annunciato la propria nuova IP.

Quest'ultima intitolata Lone Echo sarà sviluppata esclusivamente per Oculus Touch e vedrà il giocatore nei panni di quello che sembra un robot dedito alla manutenzione di una stazione spaziale, in orbita chissà dove.

Nel breve gameplay mostrato attraverso il primo video (che potrete vedere qua sotto), già s'intuisce che il videogame si impronta nell'utilizzo fisico degli Oculus Touch per spostarsi al di fuori della nave spaziale a gravità zero.

Lone Echo avrà anche una modalità singolo giocatore e competitiva all'interno di un'arena; per adesso non si conoscono altri dettagli in merito alla nuova creazione di Ready at Dawn. Nell'attesa guardate il primo video del gameplay e fateci sapere le vostre impressioni.

https://youtu.be/LoV5p8ddTT4

Ready at Dawn lavora ad altri due giochi in linea con The Order: 1886 oltre a De-Formers

Lo studio di sviluppo Ready at Down non è solo al lavoro sul nuovo Lone Echo. Ecco un nostro articolo di giugno dedicato ad altri due titoli della software house.

L'annuncio di De-Formers, diciamolo senza mezzi termini, ha stupito un po' tutti gli appassionati di videogiochi che aspettavano con curiosità il nuovo titolo di Ready at Dawn.

L'hype generale aveva portato a credere che si potesse trattare di un gioco simile a The Order: 1886, capace però di limarne i difetti in quanto a giocabilità e longevità.

Com'è noto, per il suo primo titolo in collaborazione con l'etichetta di publishing di GameStop, GameTrust, il team di Andrea Pessino ha optato per una soluzione completamente diversa.

Proprio l'italiano Pessino è tornato a parlare di questa soluzione sulle pagine di NeoGaf, spiegando che, nonostante un taglio così drastico col passato, Ready at Dawn è comunque al lavoro su altri due progetti non ancora annunciati ed in linea con The Order: 1886 quantomeno per tipologia.

"Il nostro studio sta lavorando su altri due progetti oltre a questo", ha spiegato il fondatore della software house che, in passato, ha collaborato da indipendente a stretto contatto con Sony.

L'annuncio di "De-Formers non vuol dire che abbiamo abbandonato altri tipi di giochi. Dobbiamo sempre anche provare cose nuove, capite cosa voglio dire?".

Poche righe che ci rassicurano alquanto sul futuro di Ready at Dawn: The Order: 1886 ha prestato facilmente il fianco a tante critiche, ma una seconda chance, considerandone il potenziale, era d'obbligo.

Fonte

[wp_ad_camp_1]