Niantic ha appena reso disponibile il sistema Buddy che introduce diverse funzionalità non presenti al momento del lancio del gioco.

Il CEO John Hanke, però, non si vuole fermare e, oltre ad aver dichiarato che il gioco sarà reso disponobile per Android Wear e Apple Watch, ha espresso la propria intenzione nell'implementare il titolo con un sistema di scontri giocatore contro giocatore.

"Ho un figlio di dieci anni - giochiamo assieme ed è il mio esperto per quanto concerne i Pokémon - e lui desidera sfidare i propri amici a Pokémon GO. Il sistema di battaglie è qualcosa di cui abbiamo parlato a lungo. Probabilmente è qualcosa che farà presto la propria comparsa sulla nostra tabella di marcia", ha dichiarato Hanke.

pokemon-go-3

Pokémon GO: le novità introdotte con il sistema Buddy

Come accennavamo all'inizio dell'articolo, Niantic ha da poco inserito il sistema Buddy e, a tal proposito, poco prima di renderlo disponobile, ha dichiarato:

"La prossima innovazione in Pokémon GO sarà Buddy Pokémon. Gli utenti potranno selezionare il loro Pokèmon preferito dalla collezione per far sì che diventi il loro compagno. Buddy apparirà vicino l'avatar del vostro Allenatore sulla schermata del profilo, aggiungendo utili bonus (come le caramelle) per ogni tot di percorso insieme. Potrete cambiare il vostro Buddy Pokémon ogni volta che vorrete".

La funzionalità, tuttavia, sarà valida per un solo Pokémon per volta, come recita il comunicato di Niantic. Inoltre il numero di chilometri necessari per ottenere l'agognata caramella è variabile a seconda del mostriciattolo, dunque starà a voi scegliere il Pokémon adatto per questa nuova funzionalità.

I Pokémon più piccini, magari, richiederanno un numero minore di chilometri, ma colossi come Snorlax, Tauros e via dicendo potrebbero richiedere passeggiate molto lunghe. Per non parlare dei Pokémon più rari o addirittura i leggendari!

Lo sviluppatore ha anche dichiarato che, dopo il prossimo aggiornamento che riguarderà proprio Buddy, ci sarà ancora molto altro su cui lavorare per le finestre autunnali e invernali, dunque conviene rimanere attenti a ogni aggiornamento possibile.

Fonte

[wp_ad_camp_1]