Versione testata: PS4

Dal 12 luglio è disponibile Descent, il terzo DLC di Call of Duty: Black Ops III. Questa nuova espansione, disponibile dal 12 luglio scorso in anteprima esclusiva su Playstation 4 rispetto alle altre piattaforme – sulle quali sarà disponibile ad agosto – aggiunge le solite quattro mappe multiplayer e una per la modalità zombie.

Il trend di add-on per il terzo capitolo di Black Ops, finora, si è mantenuto su standard altalenanti. La prima espansione, Awakening, ci aveva deluso; la seconda, Eclipse, ci aveva risollevato il morale con un’offerta più variegata in termini qualitativi.

È il turno, ora, di Descent, che sarà più che apprezzata da chi è appassionato di storia, ma anche di fantasy. Tra romani, vichinghi e draghi ce n’è per tutti i gusti e, soprattutto, c’è da divertirsi. Le quattro mappe multiplayer sono Berserk, Empire, Rumble e Cryogen. Il nuovo livello per Zombie si intitola, invece, Gorod Krovi.

Se siete amanti delle civiltà antiche, Berserk ed Empire fanno decisamente al caso vostro. La prima ha come ambientazione un villaggio vichingo: si tratta di una mappa con spazi piuttosto stretti, nei quali occorrerà un minimo di tattica per sopravvivere contro i vostri avversari.

Ispirata a “Raid” di Black Ops II, Empire unisce invece classicismo e modernità in una mappa che ci porta tra edifici in stile romano, ma con elementi scenografici che richiamano il mondo sci-fi – come le auto dall’estetica futurista. Al contrario di Berserk, in questa mappa sarà possibile sbizzarrirsi grazie agli spazi piuttosto ampi e ai diversi accorgimenti che strizzano l’occhio alle nuove feature di Black Ops III, come il salto potenziato o la corsa sui muri.

Completano il pacchetto per multiplayer le mappe Rumble e Cryogen. La prima non è particolarmente grande, ragion per cui con determinate abilità e classi vi basterà poco tempo per raggiungere un dato obiettivo, ma è estremamente caratteristica: si tratta, infatti, di un’arena di combattimento per robot, i quali però fungono soltanto da elemento decorativo. Anche Cryogen stuzzicherà le vostre abilità tattiche, poiché è ambientata in un centro di detenzione circolare i cui spazi convergono verso il centro.

Come nel caso di Eclipse, il secondo DLC, le mappe multiplayer continuano su una buona scia, proponendo ambientazioni evocative e stuzzicanti dal punto di vista tattico. Il piatto forte, però, è costituito dal nuovo e suggestivo livello per la modalità Zombie.

Gorod Krovi ci porta in Russia, in una Stalingrado in macerie e occupata da… draghi. Continuano le peripezie dei nostri protagonisti, che dopo Der Eisendrache e Zetsubou No Shima ora si ritrovano in questa nuova avventura, il cui obiettivo è quello di recuperare l’anima della versione parallela di Nikolai Belinski.

Con questa espansione, Call of Duty: Black Ops III si arricchisce con una mappa Zombie mai vista prima in termini di estetica e, soprattutto, divertimento. Con Der Eisendrache e Zetsubou No Shima – in particolare quest’ultima non è stata particolarmente apprezzata dai fan, anche se a noi non era dispiaciuta – Zombi non era ancora riuscito a decollare.

Empire1-noscale

La musica cambia completamente con Stalingrado, che porta questa modalità – divenuta ormai sempre più di peso nell’offerta di contenuti della serie Black Ops – su un livello completamente diverso. Un livello di difficoltà elevato, in grado di soddisfare i gamers più hardcore del franchise e, soprattutto, una buona ottimizzazione grafica ci permettono di eleggere Gorod Krovi come la miglior mappa Zombie in assoluto di Black Ops III, sicuramente una delle migliori di tutta la saga.

In conclusione, con Descent l’offerta di contenuti aggiuntivi a pagamento di Call of Duty: Black Ops 3 comincia a mostrare i suoi muscoli. Dopo tre add-on, che hanno offerto ciascuno quattro mappe multiplayer e una per Zombie, le ambientazioni disponibili iniziano ad essere tante.

Nell’esprimere un giudizio finale su Awakening ed Eclipse, in chiusura ne consigliavamo l’acquisto solo nella prospettiva di un abbonamento al Season Pass. Nel caso di Descent, pur essendo i quasi 15 euro forse un tantino esagerati per cinque mappe, siamo su un livello decisamente superiore.

Se, dunque, avete optato per non acquistare il Pass ma gradite qualche aggiunta di qualità per la vostra copia di Call of Duty: Black Ops III allora vi diciamo sì, acquistate Descent e non ve ne pentirete.

[wp_ad_camp_1]