Il Diavolo si nasconde nei dettagli, si dice, ma ogni tanto fa anche una capatina negli uffici di Nintendo. Dopo aver convinto mezzo mondo che comprare degli amiibo fosse la cosa più giusta da fare, ed i dati di vendita parlano chiaro, con le sue oltre 20 milioni di statuette piazzate ad ottobre 2015, la casa di Kyoto fa il colpaccio con Miitomo.

Il social network a base di Mii made in Nintendo sta registrando numeri da record. In quattro giorni ha raggiunto un milione e mezzo di download e la cifra non fa che aumentare settimana dopo settimana, con quattro milioni di utenti attivi attuali. Solo la scorsa settimana sono stati effettuati 2.6 milioni di download, con un ritmo di 370mila a settimana da App Store e Play Store.

Ma quanto guadagna Nintendo da Miitomo, un'applicazione che non è un gioco ma solo un social network "aumentato"? Sorprendentemente tanto, considerata la natura dell'applicazione stessa.

Secondo una stima di Survey Monkey, Miitomo frutta qualcosa come quaranta mila dollari al giorno a Nintendo, per l'80% da iOS ed il restante 20% da Android. Ogni utente contribuisce giornalmente con tre o quattro centesimi al giorno, in media. Questi non sono numeri da capogiro considerando altre applicazioni come Clash of Clans e Clash Royale, ma sono comunque impressionanti per un software che non è un gioco, ma solo un intrattenimento passeggero.

Su Play Store, Miitomo è in terza posizione nella categoria "Nuove App In Evidenza" e, se Nintendo riesce a mantenere vivo l'interesse per il prodotto, ha tra le mani una vera e propria miniera d'oro da portare avanti per chissà quanti altri anni.

[wp_ad_camp_1]