Il primo raid della "nuova era". Si chiamerà Spirit Vale, e sarà disponibile dal prossimo 17 novembre

Non si sono ancora spenti gli echi generati dall'espansione di Guild Wars 2, Heart of Thorns, che l'instancabile casa americana ArenaNet sta per proporci il primo raid della "nuova era". Si chiamerà Spirit Vale, e sarà disponibile dal 17 novembre. E visto che la software house ci ha abituati bene, in termini di "particolarità", cercando sempre di rimanere in bilico fra innovazione e tradizione (compito assai impegnativo), anche dalle parti di questo nuovo contenuto l'indirizzo seguito è sempre lo stesso, e di qualità.

Se l'impianto percorre binari sufficientemente classici, e cioè quelli di un dungeon con tutti i crismi del caso, gli anni d'esperienza maturati dall'uscita del titolo si vedono tutti. Prvato già in beta, possiamo dire che rispetto a quanto si vede in tanti altri MMORPG, qui non ci sono parti introduttive piene di inutili "nemici normali", ma si passa subito nel cuore dell'azione affrontanto boss e elite boss con gli attributi.

Tutti sono abbastanza impegnativi da affrontare, e richiedono la presenza di classi diversificate che evadono un po' dallo schema standard che anche su GW2 è previsto per i dungeon (parlo ad esempio di uno schema con 2 Elementalist, Guardian, Thief e Warrior). A mio avviso anche la nuova elite class dell'Archer e cioé il Druido, potrebbe avere un'importanza vitale in questa situazione. Ovviamente Teamspeak è indispensabile (o canali affini). La coordinazione pare da subito evidente e fonte di strategia vincente, quindi è indispensabile.

Altro elemento fondamentale possedere una armatura di livello Ascended, chiaramente con bonus statistiche adeguati. La strategia è determinante, senza la quale il fallimento appare certo. Dieci giocatori, livello di difficoltà elevatissimo, l'apoteosi degli eventi dinamici che hanno reso famoso il gioco. Ci saràà anche la possibilità di affrontare una nuova missione, Allies in Need, che vi porterà a cercare una "Pact Squad" dispersa per Maguuma.

1e97111_17-SV-Screenshot-5

Avevamo già visto nelle ultime fasi della beta che l'interfaccia Raid è stata notevolmente migliorata, infatti le varie squadre hanno ora a disposizione gli strumenti per poter organizzarsi in maniera più sistematica. Utilissima anche per il World vs World, oltre che per i Raid, ovviamente.

In più le prime ricompense dedicate alle materie prime necessarie per forgiare le armi e le armature leggendarie si potranno lootare all'interno di Spirit Vale, insieme a utili drop come miniature, armature ascended ed addirittura abilità dell'arma particolari che potranno essere acquisite solo all'interno del dungeon. Praticamente ogni boss ha una varietà di ascended da "regalare" ai giocatori (dopo essere stato sconfitto). Le tematiche saranno: Assaulter, Defender, Healer, o Malicious.

Ognuna di queste consente quindi una scelta di attributi tematicamente adeguati. Assaulter e Malicious forniscono equipaggiamento orientato al danno, come Berserker, Assassin, Sinister, Viper, e altre combinazioni di attributi simili, mentre Healer dà accesso a equipaggiamento orientato al supporto, come Nomad, Apothecary e Giver, e gli oggetti Defender danno accesso a equipaggiamento orientato alla difesa, come Nomad e Knight.

Come per il resto dell’equipaggiamento asceso, è possibile utilizzare la Mystic Forge per cambiare le statistiche, se non ottenete quelle che desiderate.

8e45811_17-SV-Screenshot-7

Inoltre la prima volta che ogni settimana si ucciderà un boss, si riceveranno 2 gold e un "compendium of knowledge", che vi permetterà di ricevere esperienza per le Mastery. Visto che esiste un effetto moltiplicatore quando si gioca in "Call of the Mists", questo significa che l'uccisione di ogni Boss nell’ala più recente ricompenserà con 4 ori e 2 Compendium of Knowledge. Ed inoltre speciali ricompense potranno essere ottenute dalla loro uccisione, come, appunto, miniature del boss stesso e soprattutto Magnetite Shards, una sorta di nuova moneta, che però avrà un blocco settimanale per evitare svalutazioni).

Un primo aggiornamento quindi, nel cuore della nuova zona da poco rilasciata, che testimonia come ArenaNet sia sempre più punto di riferimento nell'attuale panorama MMORPG, con il tentativo dichiarato di percorrere qulla sottile linea che risulta di demarcazione fra il vecchio concetto di theme park tanto caro a World of Warcraft, ed un suo aspetto più dinamico, testimoniato anche da questo primo raid.

[header_banner]