Poco più di un mese fa è sbarcato anche su Xbox One World of Tanks, MMO simulativo free-to-play sviluppato da Wargaming e uscito su PC ad aprile del 2011. L’edizione per Xbox One riprende molte delle sue caratteristiche da quella per Xbox 360, disponibile da febbraio 2014, e permette il gioco cross-platform tra le due console di Microsoft. World Of Tanks consente di combattere battaglie 15 vs. 15 su oltre 300 carri, presi dagli eserciti di Unione Sovietica, Germania, Stati Uniti, Giappone, Gran Bretagna, Francia e Cina, tutti del periodo storico che va dal 1930 a circa il 1970.

Rispetto alla versione per Xbox 360 oltre alle migliorie grafiche piuttosto evidenti, con la risoluzione a 1080p e il frame-rate ancorato sui 30 fps, con davvero pochi sporadici cali anche nelle situazioni più concitate, è stata inserita una modalità di allenamento contro bot gestiti dal computer chiamata Proving Grounds, molto utile per avvicinarsi ai meccanismi di gioco che comunque non sono complessi come la tipologia di gioco potrebbe far credere.

L’interfaccia è stata semplificata, e soprattutto i menù dell’officina, la schermata che vedremo di più nel corso del gioco e che permette di comprare, selezionare ed upgradare i nostri carri, sono intuitivi e facili da utilizzare anche con l’ausilio del joypad.

Le modalità di gioco sono rimaste le stesse della versione per la vecchia console: la battaglia standard con due squadre da 15 carri che si sfidano a conquistare la base avversaria o a sconfiggere tutti i carri nemici, Incontro invece prevede una base a centro mappa che le due squadre dovranno sfidarsi a conquistare, ed infine la modalità Assalto in cui una squadra deve difendere la propria base, mentre l’altra squadra, priva di base, deve cercare di conquistare quella avversaria entro 10 minuti.

La selezione dei carri è davvero incredibile e come detto prima supera le 340 unità, i mezzi sono divisi per classi ed ogni classe ha 10 livelli, la maggioranza dei tank sono sbloccabili con le stelle e le monete d’argento guadagnate durante il gioco.

Potremo scegliere tra corazzati leggeri, corazzati medi, corazzati pesanti, cacciacarri e artiglierie semoventi delle nazionalità sopra elencate, ogni classe ha vantaggi e svantaggi, e si adattano ai più svariati modi di giocare.

Per effettuare ricognizioni e muoversi più agilmente si utilizzeranno i carri leggeri, per fare ed assorbire grandi quantità di danni i carri pesanti o i cacciacarri, a dispetto della mobilità generale nel primo caso e della mobilità limitata della torretta nel secondo caso.

Ogni carro ha un albero di abilità sbloccabili, sempre attraverso stelle e monete, un equipaggio da selezionare con perk specifici e vari livelli di apprendimento, e molte opzioni di equipaggiamento che vanno dalla quantità e il tipo delle munizioni, a consumabili che permettono per esempio di riparare il carro durante la battaglia più velocemente, di curare l’equipaggio ferito o di ricaricare le armi in maniera più rapida.

World of Tanks 03
Un'immagine che sintetizza la qualità del passaggio da Xbox 360 a Xbox One.

Il gioco a dispetto di quello che mi aspettavo è molto ragionato e tattico, cose che lo rendono molto strategico, e dovrete abituarvi a giocare in maniera lenta e a ponderare bene ogni piccola mossa, perché lanciarsi allo sbaraglio porterà nella maggior parte dei casi ad una morte rapida e senza gloria.

Siamo di fronte a un vero free-to-play, anche se l’abbonamento premium, comunque aquistabile con le monete guadagnabili da tutti, rende più rapido sbloccare carri ed equipaggiamenti, in virtù della doppia esperienza ricevuta e a dei bonus come l’acquisto di carri Elite (che normalmente si ottengono sbloccandone tutte le abilità) e la possibilità di avere skin e loghi in maniera permanente contro il noleggio per 7-30 giorni ottenibili senza premium.

Anche senza abbonamento il gioco è godibile e non presenta particolari svantaggi oltre a quelli elencati qui sopra, ma è chiaro che se non avete molte ore da spendere sul titolo ci metterete diverso tempo a sbloccare una grande quantità di carri/equipaggiamenti.

Graficamente il gioco si lascia guardare, non vi farà certamente gridare al miracolo ma rispetto alla versione per Xbox 360 l’erba ha ora un aspetto molto più reale e le texture sono di alta qualità, gli effetti luce sono stati intensificati ed ombre ed effetti atmosferici sono all’altezza della current-gen.

World of Tanks 01
L'ampiezza delle mappa è sempre molto soddisfacente.

Il comparto sonoro è maestoso, e le campionature dei motori dei carri, degli armamenti e delle esplosioni sono di altissimo livello, anche i sottofondi ed i rumori ambientali sono ottimamente realizzati e questo aspetto è sicuramente il fiore all’occhiello della produzione. Anche la colonna sonora, a livello di brani musicali, si rivela azzeccata e veste alla perfezione questo shooter, i brani ben realizzati vestono come un guanto World of Tanks e sono anche in questo caso superiori a molte produzioni con budget più elevati.

In conclusione ci troviamo di fronte ad un gioco a cui gli amanti del genere non potranno più rinunciare, e che vista la natura free-to-play, merita un’occasione anche da parte di chi è solamente incuriosito dal combattimento sui carri e/o vuole un’alternativa ai titoli che già possiede. World of Tanks permette di imparare in fretta i meccanismi di gioco grazie all’ottimo tutorial e alla modalità Proving Grounds contro i bot, e di avere soddisfazioni anche con i primi carri armati sbloccati e dopo appena una manciata di partite, senza dover obbligatoriamente giocare molte ore.

La natura cross-platform con Xbox 360 permette di avere sempre molti giocatori collegati e tempi cortissimi d’attesa per trovare una partita, inoltre per chi avesse già giocato sulla precedente console Microsoft è anche possibile importare i progressi su Xbox One.

Per chi volesse invece dedicargli più tempo, ovviamente la mole contenutistica del titolo è immensa, e sbloccare i numerosi obiettivi o collezionare tutti i carri disponibili vi consentirà di avere centinaia e centinaia di ore di battaglie e di divertimento.

[header_banner]